ULTIM'ORA

Diego poteva salvarsi, mal curato e abbandonato: ora caccia ai colpevoli!

1604645783_148

di Oscar Piovesan - La perizia del tribunale argentino ha confermato ciò che si sospettava dalla sua il 25 novembre: poteva essere salvato!

Un atto d’accusa per i medici e chi gli girava intorno negli tempi, senza rispetto, pietà, amore. E nemmeno professionalità! Hanno lasciato morire Diego  che gli aveva afdato la sua vita: ora i responsabili, non solo medici e infermieri, ma anche assistenti vari e organizzatori, dovranno scone pene severe e pagare il più grande risarcimento danni della .

soffriva di insufcienza cardiaca, renale e di cirrosi. I medici hanno inoltre confermato che la è stata causata proprio dalle malattie cardiache preesistenti. Nessuno si è interessato di assisterlo e curare, il suo cuore non più normale, secondo la perizia, perchè Diego non aveva controlli medici adeguati.

Dalla perizia si evincono anche altre : è morto tra le 4.00 e le 6.00 della mattina del 25 novembre mentre dormiva! La data del decesso contraddice le prime affermazioni che indicavano che si fosse alzato la mattina e rimette in discussione, soprat, la dichiarazione dell’infermiera Dna Madrid. L’assistente, uno dei 7 imputati, dovrà chiarire perché ha mentito e spiegare se ha eseguito degli ordini, se si è comportata male seguendo un progetto!

La perizia complica la posizione anche dei medici curanti: Leopoldo Luque e Agustina Cosachov. Nessuno di l infatti ha notato i sintomi o li ha minimizzati. Coem è possibile ciò?

Si rilancia la tesi dell’ premeditato. Ma anche dell’assenza di tutti quelli che si dicevano vicini a : famiglia, gli, amici! Diego fumava molta marijuana, beveva superalcolici, assumeva antidepressivi. Un cocktail che aveva indebolito fortemente il cuore e la sua lucidità!

Speriamo che almeno i colpevoli paghino! Tutti!!!

 

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply