ULTIM'ORA

Contagi: Lombardia (1140) doppia la Campania (640) e De Luca minaccia?

ba61c99dae7e47fe6eadf0c580f09f19

Ansa - Continuano a crescere i contagi da coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore i positivi sono aumentati di 5.724 (ieri erano stati 5,372), con 29 morti (ieri 28). E’ quanto emerge dai dati del Ministero della Salute. I tamponi sono stati 133.084, nuovo record (ieri 129.471). Tra le regioni la Lombardia registra 1.140 nuovi positivi, la Campania 664.

Sono 1.100 i nuovi contagiati in Lombardia. E’ quanto ha l’assessore regionale al Welfare, Guido Gallera, a margine di un convegno di a Milano. Per Gallera, “quello che sta succedendo negli ultimi giorni è una forte crescita dei positivi, ta presumibilmente al ritorno a scuola, alla vita sociale, dai primi di settembre: la gente è tornata in ufcio è questo ha portato a 1100 positivi, ma il numero delle terapie intensive è uguale a quello di ieri e il numero dei ricoverati è cresciuto di una ventina di persone”.

Aumento record di casi anche in Toscana dall’inizio della pandemia. Rispetto a ieri sono aumentati di 548, con una crescita percentuale pari al 3,2. E’ la prima volta che la Toscana supera i 500 casi eri. Già ieri con 483 era stato superato il picco massimo raggiunto durante la fase emergenziale, pari a 406 registrato il 2 aprile. In totale in Toscana da inizio epidemia ci sono stati 17.643 contagi e gli attualmente positivi sono 5,640, + 10% rispetto a ieri. I test eseguiti hanno raggiunto quota 828.114, 11.237 in più rispetto a ieri. I ricoverati sono 190 (20 in più rispetto a ieri), di cui 30 in terapia intensiva (stabili). Oggi non si registrano nuovi decessi.

Una riunione urgente del Comitato tecnico scientico, alla quale dovree partecipare anche il ministro della Salute Roberto Speranza, è stata convocata per domani. Sul tavolo degli esperti, secondo quanto si apprende, ci saree l’impennata dei contagi dell’ultima settimana e la capacità del sistema di testare i casi.

“Non siamo ancora fuori dalla fase più dif. Bisogna mantenere con forza tutte le misure di sicurezza con determinazione, per poter continuare ad avere ancora numeri meno alti di quelli che si registrano in altri paesi europei”, ha detto Speranza, in un vento video ai lavori conclusivi dell’incontro su ‘La sanità post Covid-19′ al teatro Bellini di Catania.

“Chi sostiene che le misure di prevenzione siano soltanto lacci e lacciuoli dice una enorme sciocchezza. Soltanto un Paese sicuro può correre più veloce e ripartire con più energia e determinazione”, ha aggiunto il ministro della Salute.

“La parola chiave è pmità, con una sistema sanitario che si avvi ai problemi reali delle persone. Una rete dal basso. Doiamo farlo tutti insieme. Doiamo costruire un grande Patto Paese – ha aggiunto Speranza – perché il futuro del nostro Paese passa per il suo sistema sanitario

“La lezione del Coronavirus ci dice che il sistema sanitario è la cosa più importante che aiamo. Doiamo ricominciare ad investire. Per troppi anni la spesa sanitaria è stata penalizzata. Oggi il virus ci consente di cambiare marcia”, ha continuato Speranza. “Siamo soltanto all’inizio – ha aggiunto – e doiamo usare tutti gli strumenti che aiamo per mettere benzina nel sistema sanitario ”.

“Le misure contano ma quello che è veramente decisivo sono e restano i comportamenti delle persone – ha rilevato ancora Speranza -. Io penso che la scienza in un tempo congruo ci darà risposte incoraggianti. Io sono ottimista non sono pessimista, la battaglia l’umanità la vincerà. Presto non signica però domani mattina e neanche tra pochissime settimane ma con tutta probabilità nella prima parte del 2021. Quindi aiamo una fase di resistenza e di convivenza dove purtroppo non aiamo ancora il vaccino, non aiamo ancora cure risolutive e quindi in questi mesi non mi stancherò mai di rire che i comportamenti delle persone sono la vera chiave essenziale: mascherine, distanziamento e lavaggio delle mani sono le armi che aiamo”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply