ULTIM'ORA

Ciao Aragonès, inventore del ‘tiqui-taka’: il calcio piange!

aragones.spagna.coppa.europeo.2008.356x237

di Carmen Castilla – I media spagnoli annunciano la triste notizia della morte, nelle prime ore della giornata di oggi, dell’ex ct della Spagna Luis Aragones. Il protagonista del successo delle Furie Rosse nell’Europeo del 2008 si è spento all’età di 75 anni e darne notizia alla Radio Nacional è il dottor Pedro Guillèn in una clinica di Madrid. all’età di 75 anni.
Lasciò la spagnola per allenare fino al 2009 i turchi del Fenerbahce. A dicembre si era ritirato.

La carriera di Aragonès, oltre alla vittoria con la di un titolo che mancava da 50 anni e che ha poi aperto la strada al primo Mondiale e a un altro trofeo continentale con del Bosque, è stata profondamente legata anche all’Atletico Madrid, club di cui è stato prima giocatore e poi allenatore.
Con i colchoneros è infatti salito sul tetto del mondo grazie alla vittoria della Coppa continentale nel 1974: i biancorossi, che piegarono gli argentini dell’Independiente dopo la doppia finale di andata e ritorno, avevano disputato il torneo in qualità di finalisti della Coppa dei a seguito della rinuncia del Bayern Monaco campione. Sulla panchina dell’Atletico, Aragones ha vinto una Liga, tre Coppe di Spagna e una Supercoppa di Spagna.

Aveva allenato anche il Barcellona, club col quale ha vinto una Coppa di Spagna.

Notevole anche il suo palmares da calciatore: tre edizioni della Liga e due Coppe di Spagna, tutte con l’Atletico Madrid. Fu attaccante molto prolifico: tra il 1964 e il 1974 segnò 123 in 265 partite di Liga.

In Spagna viene ricordato come il padre del tiqui-taka, lo stile di gioco tutto tecnica e passaggi stretti che ha permesso alla Roja di aprire il ciclo vincente nel periodo 2008-2012.
In Austria e Svizzera, eliminò ai rigori l’Italia di Donadoni nei quarti.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply