ULTIM'ORA

Simeone ‘incendia’ la Lazio: “E’ scritto, tornerò per vincere!”

Simeone_lazio

di Matteo Talenti - “Sono sicuro che un giorno allenerò la Lazio, perché così è la vita”. Se non fosse Diego Simeone a dirlo, sarebbe la solita trovata per vendere qualche copia in più di giornale, con una vista di comodo…
Invece la dichiarazione del Cholo è diventata una bomba su Lazialità, house organ dei biancazzurri!

Spiega anche perchè: “Come mi è capitato di tornare a un club come l’Atletico Madrid, dove sono stato e ho dato l’anima per far bene, così mi è successo e succederà anche alla Lazio”. E’ il messaggio a Lotito ma sopra ai tifosi: “La Lazio costituisce un punto incredibile della mia carriera, ho passato anni meravigliosi”.

Domani giovedì in edicola, il rotocalco farà certamente un successone, grazie a Simeone, tecnico supervincente dei Colchoneros e alla sue confessioni ad un giornalista no che lo ha raggiunto a Madrid.
Il tecnico dell’Atletì fu uno dei protagonisti dello scudetto 2000. Insiste: “Se ho la certezza di tornare? Sicuro! Sono convinto che, in tutti quei posti in cui sono passato da giocatore, tornerò. E’ la mia vita, perché sia nel che nella vita mi comporto allo stesso modo”.

“La Lazio costituisce un punto incredibile della mia carriera – ricorda Simeone – uno dei posti in cui sono restato più tempo: ho passato quattro anni meravigliosi. La gente mi ha voluto sempre bene e pian piano sono riuscito a farmi apprezzare come giocatore, facendo importanti che la gente non dimenticherà mai. A ho avuto un gruppo di compagni e allenatori che hanno cambiato la filoso del no. Prima di noi avevano vinto sempre la Juventus e il . Poi con il nostro arrivo è cambiata la e abbiamo permesso anche agli altri, abitano vicino a noi, di poter fare altrettanto”.

La che è più di un debito… “Tornerò alla Lazio, è solo questione di tempo. Oggi sono felicissimo all’Atletico Madrid, ma la vita è lunga e un giorno sarò lì con voi, vestito di nero, come piace a me”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply