ULTIM'ORA

Cambia Melandri? De Laurentis ci rimette 13mln!

12801210_972651016133791_7414830544321640469_n

di Paolo Paoletti – Diritti , redistribuzione alle squadre medio piccole. Il Renzi scende in campo per risolvere i problemi del . In attesa che la legge Stadi di risultati tangibili, l’Esecutivo studia la riforma della legge Melandri che dovrebbe distribuire i proventi dei diritti televisivi con una forbice più stretta tra quanto incassano le grandi e le mediopiccole.

Luca Lotti, sottosegretario di stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri e uomo di Renzi, sta lavorando alla modifica, in modo da aggiornarla con l’aumento dei proventi da diritti , arrivati per il triennio 2015-18 a quota 1,2 miliardi a stagione, 900 al netto di commissioni Infront.

Il è la quinta azienda italiana, il vuole che funzioni senza passivi elevati come i di quasi tutti i club accusano.

Per riequilibrare il campionato l’idea è aumentare la quota da dividere in parti uguali, arrivando al 45% – 50%. La modifica premierebbe le medio-piccole, meno le grandi in particolare la ntus che negli ultimi anni hanno sempre ottenuto la fetta maggiore.

Il secondo cambiamento significativo dovrebbe riguardare il bacino d’utenza che ‘pesa’ per il 30% (25% in base al numero dei , il 5% in base alla popolazione): l’orientamento è diminuire questa quota spostando la differenza sui risultati sportivi.
Invece di considerare le ultime 5 stagione, però, il periodo analizzato sarebbe di 3 anni in modo da favorire le medio-piccole che devono fare i conti anche con il rischio retrocessione e di giocare un anno o più in serie B.


Con questo sistema di riferimento, cui guarda il , perderebbero molti soldi ntus -41,70; il Milan -30,62; l’Inter -28,73; il -13,08; la -9,93; la lazio -2,33.
Tutte le altre guadagnarebbero, in primis Empoli +18 e Sassuolo +17 milioni.

In c’è già fibrillazione e le Grandi si muovono per capirne di più.
Le inchieste su Infront e le fatturazioni false delle grandi società, tutte coinvolte, hanno nesso all’Odg del un intervento chiesto a viva voce proprio da . Ma con risultati opposti a quelli attesi dal cinepresidente.
Sbraitare sempre a sproposito non premia: stavolta “al lupo al lupo”… mozzica lo stracciato.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply