ULTIM'ORA

Napoli ok, Cagliari assente: Zielinsky fa il mago!

2-1-638x425

di Paolo Jr Paoletti - Un grande Napoli, un minuscolo Cagliari! Non si può prescindere dai valori delle due squadre per inquadrare la gara in cui gli azzurriu hanno dominato dall’inizio alla ne. Controi chi? Questo Cagliari rischia anche la retro ‘non giocando’ così…

Zielinski su tutti, è il miglior giocatore del Napoli in assoluto.

Fa doppietta, tras la squadra, non consente ai compagni di assorbire il pari, visto che segna il secondo subito, alla prima azione da palla al centro. Sanicante perchè come tante altre volte il Napoli regala il pari a Joao Pedro (60′) con un errore difensivo grave! Zielinski salva tutti e riporta avanti i suoi (62′).

Il Cagliari resta in dieci e sce; così prima Lozano (74′) e poi  (86′) su rigore chiudono il 4-1.

Gattuso può essere sereno nonostante le assenze, il Napoli c’è. I numeri però ricordano la portata della vittoria, corretta e niente più…

Il Napoli ha vinto 9 delle ultime 10 contro il Cagliari in Serie A, segnando complessivamente 27 reti e subendone solo 4.
Il Napoli ha vinto anche 9 delle ultime 10 alla prima dell’anno solare.
Il Cagliari, invece è la squadra che attende la vittoria da più partite in Serie A: 8, di cui quattro pareggi e quattro scontte.
Ha perso tutte le ultime 6 interne contro il Napoli. In questa gara consentendo 34 tiri all’avversario, di cui 12 nello specchio.
Sul piano individuale Zielinski ha izzato la sua prima doppietta in trasferta in Serie A, in assoluto la seconda dopo quella contro il Milan nell’ 2018.
Il polacco in 12 presenze in questo ha già segnato più (3) che in 37 gare nella scorsa Serie A.
In tutto il 2020 Zielinski non aveva mai segnato in trasferta in ; l’ultimo esterno risaliva al dicembre 2019 (1-1 vs Udinese). Aspettava Cagliari…

VOTI DECISIVI

Zielinski 8. Fa il trequartista con acume e presenza atletica. Guida la squadra sincronizzandone i movimenti offensivi, nalizzati alla riconquista della palla e la conclusione. Non è un caso se è lui a sbloccare con un gran sinistro da fuori area. E non è un caso se segni il 2-1 con un capolavoro di astuzia e padronanza nel controllo della palla. Il migliore, oscurando anche nel ruolo. Gattuso dovrà tenerne conto.

Bakayoko 7. Padrone a centrocampo, presidia da solo la zona, opponendosi  al trio leggero Pereiro-Nandez-Marin, liberando Fabian Ruiz…

Di Lorenzo 6,5.  Propulsione continua a destra: non è una novità ma è sempre giusto ribadirlo.

Lozano 6.5. Ci prova in tutti i modi, di piede e testa; sembra una giornata sfortunata invece poi va in gloria con il del 3-1.

 6. In difcoltà dal punto di vista atletico e per la marcatura di Zappa che è il doppio di lui. Fa poco  entra nel tabellino su rigore.

Petagna 5,5. Forse non dà la profondità che Osimhen aveva mostrato nelle sue poche uscite stagionali, me per giocare con tre trequartisti alle spalle e per farli rendere tutti al meglio è il vertice ideale con la sua presenza sica e le sue sponde.

Di Lorenzo 6,5.  Propulsione continua sulla fascia destra, sovrapposizioni sempre precise, non è una novità ma è sempre giusto ribadirlo.

Lozano 6.5 – Ci prova in tutti i modi, di piede e di testa, sembra una giornata sfortunata invece poi si prende un po’ di gloria con il del 3-1.

Maksimovic 5,5 – Per un’ora non ci sarebbe niente da dire, poi si fa sorprendere da Joao Pedro in occasione del momentaneo 1-1. Poi ci pensano i compagni a risolvere tutto.

Petagna 5,5. Forse non dà la profondità che Osimhen aveva mostrato nelle sue poche uscite stagionali, me per giocare con tre trequartisti alle spalle e per farli rendere tutti al meglio è il vertice ideale con la sua presenza sica e le sue sponde.

 

Joao Pedro 6,5 – Non potendo esprimere le sue doti di cannoniere, tenta almeno di dare il buon esempio mettendosi l’elmetto e andando a combattere contro un muro che lascia pochi appigli.  Per questo merita il dell’1-1, ottenuto con un po’ di fortuna e tanbta caparbietà.

Cragno 6,5 – Grande protagonista di questa prima parte della stagione, continua a rappresentare un punto di forza di questa squadra anche quando gli altri dieci vanno in sofferenza. Certo quando gli avversari sbucano da tutte le parti non è fa resistere.

Simeone 5 – Vede praticamente solo i pettorali di Maksimovic e Manolas contro i quali va costantemente a sbattere no a quando non gli regalano un’occasione che il Cholito non riesce a sfruttare.

Pereiro 5 – Se il giocatore si potesse giudicare dalla nezza con cui serve Joao Pedro al 20′ del primo tempo, il voto sarebbe positivo. Ma da lì in poi non c’è più niente.

TABELLINO. CAGLIARI-NAPOLI  1-4

Cagliari (4-2-3-1): Cragno 6,5; Zappa 5,5, Walukiewicz 6, Ceppitelli 5,5, Lykogiannis 5; Pereiro 5 (11′ st Tramoni 5,5), Nandez 5, Marin  5; Joao Pedro 6,5 (38′ st Caligara sv); Sottil 5,5 (23′ st Tripaldelli 5,5), Simeone 5 (38′ st Pavoletti sv). Allenatore: Di Francesco 5. A disposizione.: Vicario, Boccia, Pinna, Pisacane, Oliva, Cerri, Contini.

: Manganiello

Marcatori: 25′ pt Zielinski (N), 15′ Joao Pedro (C), 17′ st Zielinski (N), 29′ st Lozano (N)

Ammoniti: Lykogiannis, Caligara (C), Zielinski (N)

Espulsi: Lykogiannis (C) per doppia ammonizione

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply