ULTIM'ORA

Bugie Sarri: Napoli in calo da 1 mese, occasione persa.

piZap_1445098269983

di Paolo Paoletti - Le dichiarazioni di Sarri dopo -Napoli, vanno analizzate.
1. Sarri dice: “La Juve ha fatto 49 punti su 51 a disposizione, se mantiene questo ritmo nessuno può essere in competizione con la corazzata bianconera. La domanda quindi è: manterrà questo ritmo? Un minimo di flessione capita a tutti, noi dovremo fare il nostro con il solito sacrificio aspettando qualche piccolo errore degli avversari”.

E’ vero che la Juve ha razziato nelle ultime 17 gare, ma nelle prime 10 ne aveva fatti 12. Il suo periodo nero l’ha già vissuto ed è ancora a portata di mano perchè ha -3 rispetto all’anno scorso. Dopo il Bayern con la per la probabile uscita dalla non c’è ne sarà per nessuno.

2. Sarri dice: “Sapevamo che sarebbe stata dura, ma essere arrivati a questo punto con la Juve che deve stare attenta e non può vivere le partite in maniera serena per guardarsi le spalle, è già qualcosa.

Sbagliato dire che è già qualcosa se non sarà ciò che era possibile. Ciò che si può fare, si deve fare e se non accade bisogna prendersene le responsabilità. Il Napoli è a +12 rispetto a Benitez, merito innanzi di Sarri: ha fatto il massimo? Certamente è migliorato più di Roma (+3) arrivata seconda e (+8) finita quarta, ma attenzione 2 punti nelle ultime 3 gare, sono un allarme vero. Si può scivolare sotto…

3. Sarri dice: “Dobbiamo ritrovare le energie mentali, quelle che non fanno sbagliare il palleggio. Il risultato di Firenze è stato giusto, ma ora dobbiamo andare avanti. E’ una questione di certezze. Dobbiamo inanellare tante vittorie per mettere pressione alla . Abbiamo per giocarcela fino in fondo”.

Vero, è una questione di certezze. La mente può e bisogna saperla usare. Questo è il criterio con cui bisogna scegliere i giocatori, nessuno lo fa. Per giocare a Napoli, come nelle altre grandi città, serve innanzi personalità e carattere. Poi il talento. Sarri deve riportare tutti sulla terra: Higuain smetta di protestare, Hamsik impari cosa significa essere il capitano, Rejna tiri fuori le palle dalla porta, altrimenti l’amore per la città non basta. Se sono venute meno certezze, molto dipende da questi tre.

4. Sarri dice: “Qualcuno non sarà nto, ma ieri ho visto una grande prestazione, probabilmente il pareggio più bello in assoluto. Avrei vinto ingiustamente a Firenze, ma ciò non è successo. La è stata più precisa nei passaggi ed ha tirato tanto, il portiere è stato bravissimo e personalmente considero questa gara un punto da cui ripartire. Contro la abbiamo cercato la fino all’ultimo, ha mancato il bersaglio per un niente. C’è un dato importante: abbiamo chiuso il primo tempo con un grosso predominio, poi è finita in pareggio. Da questo dobbiamo ripartire. Il portiere ha fatto tre miracoli, ha fermato tutte le nostre bocche di fuoco”.

Da ed ogni cosa si può ripartire. Sul pari di Firenze per ripartire è necessario ammettere che la fortuna ha inciso: se il Napoli chiude il primo tempo 3-1 la partita sarebbe finita ed anche la bellezza del gioco. Su cui pesano gli errori degli attaccanti: Higauin ha sbagliato un fatto, peggio di Kalinic. Tatarusano invece è lì per parare. E non è vero che il Napoli ha cercato di vincere ad ogni costo: non aveva più gamba, lucidità, cuore per farlo.

5. Sarri dice: “Possiamo anche vincerle tutte, ma se la Juve non perde colpi possiamo farci poco. Era da anni che la Juve non aveva questa concorrenza, vuol dire che siamo stati bravi”.

Vincerle tutte? Sarri punti a ripetere il filotto di 8 vittorie consecutive! Perdere a San Siro e all’Opico contro Inter e Roma ci sta. L’importante è aver capito – per chi lo ha capito – che il pareggio è come una sconfitta con i 3 punti. E alla fine si pagano. Il Napoli paga i 7 pareggi su 27 partite – più del 25% – e soprat quelli con , Carpi e Genoa.

Diciamo la verità, zitti e pedalare!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply