ULTIM'ORA

Benitez addio: no ritiri, no cattiveria, ho avuto 2 offerte.

rafael_benitez_has_been_appointed_interim_chelsea__50ad393256

di Paolo Paoletti - ha parlato, per la prima volta dopo la notte di e la figuraccia di sul ritiro-non-ritiro. Non sono bastati i salamelecchi del cine-presidente delle ultime 48 ore, la frittata l’ha fatta a e Rafa non ha dimenticato.
Ammette di aver avuto 2 offerte migliori del Napoli, ha detto di non averle accettate adesso non rifiutate per giugno. Ha ammesso che a questo Napoli manca cattiveria e mentalità e che lo scorso anno c’era di meglio. Più di così non poteva, con 2 partite in 5 giorni!
Ovviamente i media governativi interpreteranno a favore di DeLa la sparata del tecnico. Per chi capisce il calcio, questo è il testamento che Rafa lascia a Napoli e i !!!
Anche perchè le notizie provenienti dall’Inghilterra coincidono con il ‘passo d’addio’ dell’intervista: le ultime novità lanciate dal Daily press parlano addirittura dell’esonero di . Secondo gli inglesi, gli scarsi risultati del Napoli lo determineranno già nelle prossime settimane. potrebbe così coronare il suo sogno di tornare in Inghilterra dov’è atteso al Liverpool.
Tutto coincide: le ventilate per giusta causa di domenica notte dopo l’ordine del ritiro punitivo di , le due offerte ricevute da Rafa, l’esonero che anticiperebbe le .

1. “Qui cambia sempre tutto in due settimane. Se si perde contro il Milan va tutto male. Io devo essere tranquillo, analizzo le cose che succedono poi alla fine vediamo dove siamo. Siamo a due punti dal . Dobbiamo migliorare qualcosa, questo è sicuro. Questa rosa è più forte, più internazionale, più conosciuta, ha un livello che prima non aveva. Con il Presidente siamo d’accordo su tutto. Dobbiamo gestire le cose, anche sul non andare in ritiro. Io ho ritenuto che era giusto stare insieme a cena e poi andare tutti a casa. Allenarsi, mangiare tutti insieme, concentrarsi. A Napoli qualcuno ha l’idea dell’autodistruzione, invece di preoccuparsi della discriminazione territoriale, bisogna andare insieme tutti nella stessa direzione”.

Commento 1. spieghi qual è la stessa direzione: quella del ritiro punitivo poi cancellato? Quella dell’ingerenza nella gestione tecnica che diventa una dichiarazione di ai si del cinepresidente?

2. “Non so se si arriverà quinti o secondi, ma alla squadra rispetto all’anno scorso manca qualcosa”.

Commento 2. Perchè manca qualcosa, chi manca? Su cosa richiama l’attenzione ? I cambi nella rosa sono stati tutti peggiorativi ma da lui autorizzati. Si riferisce alla mancata conferma di Reina? faccia nomi e cognomi, dia ad ognuno le proprie responsabilità.

3. “Non ero dimesso domenica in panchina a , parlavo con Fabio Pecchia, scrivevo. La squadra può centrare il o anche più. Non dobbiamo pensare alla finale di Supercoppa contro la Juve, ma al Parma. Nel 2015 sono sicuro che la squadra tornerà a giocare bene come prima: ha incantato tutto il mondo. Abbiamo analizzato ciò che non va nella squadra. Non è nel mio stile parlare degli errori arbitrali, ma al Napoli, oltre ai nostri errori, ci sono anche dei non dati: ci mancano diversi punti in classifica. Non è un problema di modulo, ma la capacità di capire il calcio”.

Commento 3. Benissimo. e siamo d’accordo. Ma se si prendono giocatori che non capiscono il calcio di cosa ci si rammarica? Chi fa una squadra, chi fa il mercato, chi ha la responsabilità delle scelte, HA IL DOVERE DI SAPER SCEGLIERE! Chi sceglie nel Napoli? Accusare gli arbitri sinceramente non è da , non è internazionale. Se non è problema di modulo ma di capacità di capire il calcio, di chi è la colpa: 1. di chi ha scelto i giocatori?; 2. di chi pretende dai giocatori che ha accettato ciò che non capiscono?; 3. di chi pur sapendo tutto questo non cambia?

4. “Non so se resterò dieci anni, so che devo pensare ad oggi. Riccardo ha creato una squadra più forte, più giovane. Se c’è una struttura, una mentalità si può andare avanti con me o con un altro allenatore. Negli ultimi 15 giorni ho rifiutato due offerte con contratti migliori perché sono l’allenatore del Napoli. A questa squadra manca cattiveria che non si può comprare al supermercato. Ci sono alcuni giocatori che hanno qualità, ad altri manca qualcosa. Bisogna lavorare per riuscire a colmare il gap. Di Koulibaly, tutti dicevano che era bravo, ma deve migliorare ancora tanto. Insigne che tutti criticavano è cresciuto tanto: bisogna dare tempo. Ho fiducia nella società so che sta lavorando per migliorare la rosa a gennaio”.

Commento 4. Il gioco delle 3 carte continua. Prima incensa , ma subito dopo dice che alla squadra – fatta da – manca cattiveria. Ammette di aver avuto due offerte negli ultimi 15 giorni e si capisce perchè nello spogliatoio di , dopo la sparata punitiva di , era pronto a lasciare. Aveva già dove andare…Dica chiaro chi sono i giocatori cui manca qualità? Dica perchè non c’è struttura e non c’è mentalità…Abbiamo capito che il Napoli andrà avanti senza , i si non si strapperanno i capelli. Ma non si può chiudere tutto citando nel male Koulibaly e nel bene Insigne che non ci sarà più per quest’anno. Chi può credere che tutti i mali del Napoli sono questi due giocatori?

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply