ULTIM'ORA

Aubameyang, 25 gol in 22 partite: Galliani lo bocciò al Milan…

Pierre-Emerick Aubameyang

di Marco Innocenti - Aubameyang, a ello, è nome conosciuto: i 3 fratelli sono passati tutti da ello. Catilina per primo, poi Willy, inne Pierre Emerick. Il maggiore oggi ha 32 anni e gioca nella seconda categoria lombarda con il Fagnano Olona, l’intermedio ne ha 28 e corre in ad Essen nel Kray Fussball Club, squadra della West Regionalliga, il minore spopola nel Borussia Dortmund ed oggi è il miglior attaccante d’.

Con buona pace di Galliani e del , che li hanno lasciati partire tutti e 3! Con il in queste condizioni, è d’oligo un bravo al Condor più coglione del mondo!!!

INADATTO. Pierre si è tolto diverse pietre dalle scarpe, ritwittando ad ottobre un post in cui veniva denito “non adatto per la prima squadra”.
Oggi il gabonese è implacabile con i gialloneri della Ruhr, secondi in classica dietro Bayern Monaco proprio grazie alle sue reti.
Diciassette in 14 gare di , media incredibile di 1,2 reti a partita. Le ultime due ieri allo Stoccarda ed uno score totale di 25 reti in 22 gare, considerando anche League e DFB Pokal.
Visto che il miglior attaccante del in questa stagione è Carlos Bacca, 6 in 15 presenze, media di 0,4 a partita, per Galliani è pronta una vagonata di Tapiri d’ e di dei .

SCARPA D’. Il fatto che più incuriosisce è che l’attaccante gabonese, vero e proprio traino per la sua nazionale, in Prima Squadra al non ha mai messo piede: non è nemmeno riuscito ad esordire in Serie A ed è stato costretto poi ad emigrare. Nel 2011 il lo cedette al Saint-Etienne in cambio di un milione e 800mila euro, in quanto giudicato “non aastanza bravo per giocare in prima squadra”, in un refrain che ricorda l’episodio biblico in cui Esaù vendette a Giacoe la propria primogenitura in cambio di un piatto di lenticchie. Anche l’anno scorso Aubameyang aveva realizzato 25 reti, ma al termine della stagione, a maggio. Quest’anno lo ha fatto a novembre: nella classica della Scarpa d’ è nettamente in testa a quota 34 punti, frutto dei 17 centri che per ora gli valgono il titolo di moltiplicati per due, il coefciente della . Nessuno meglio di lui, nemmeno Messi e CR7.

DONNE E AUTO. L’attaccante nato a Laval, in Francia, si è fatto conoscere, oltre che per i gol messi a segno, anche per la personalità istionica e variopinta: possiede numerose macchine ad alta cilindrata, ha una grande passione per Batman, tanto da esule con la maschera dell’eroe di Gotham City con il suo amico Reus nella scorsa stagione e tanto da farsi ideografare lo stemma dell’uomo pipistrello su una delle sue Ferrari. E’ un ragazzo che ama divertirsi, guascone e amante della musica e dei colori. Musica e gol, quelli che in rossonero non è mai riuscito a segnare perchè non ne ha avuto la possibilità.

BARCELLONA. Con le sue prestazioni, ha catturato l’interesse di tutte le grandi d’: il BVB, ancora scottato dall’esperienza avuta con Lewandowski, non ha nessuna intenzione di perdere il giocatore senza incassare un adeguato risarcimento economico. Per sedersi al tavolo delle trattative, il club di Dortmund pretende almeno 60 milioni di euro, anche perche’ l’attaccante del Gabon ha un contratto no al 2020: il Barcellona dei tre fenomeni ci sta pensando seriamente, per rinforzare ulteriormente il proprio reparto offensivo. Il , invece, non può fare altro che osservare la crescita esponenziale di questo giocatore ormai maturo, a 26 anni: una lacrimuccia per quello che avree potuto essere e non è stato scenderà sicuramente, ma giustamente farà capolino anche una buona dose di orgoglio, per averlo lanciato nel mondo del calcio che conta. Ora non resta che continuare a cone i suoi gol.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply