ULTIM'ORA

Argentina Campeon: dopo 28 anni rivince la Coppa America, primo trionfo per Messi!

20210711043237980_2609306_20210711071027

di Oscar Piovesan - ”Dio ha preparato questo momento per me, gli sono grato per avermelo regalato”. Leo è stravolto di emozione dopo la vittoria in Copa America, trionfo sul , davanti ai brasiliani del Maracana!

Una vittoria che lo ripaga di tante delusioni con la

“Avevo bisogno di staccare un po’ la spina per poter vincere qualcosa con la Nazionale, ci sono andato vicino per tanti anni ma sapevo che a un certo punto saree successo. Sono grato a Dio per avermi regalato questo momento in ”.

Ventotto anni… l’Argentina ha dovuto attendere a lungo prima di rivincere la Copa America ma c’è riuscita nell’occasione più attesa: al  Maracanã battendo il  1-0, gol di Di Maria al 22’.

Una enorme soddisne per la 15esima vittoria nella competizione più importante del Sudamerica in questa competizione, come l’Uruguay record nell’Albo d’Oro. UN trionfo che sdogana anche , appena libero dal Barcellonba e nalmente vincente anche con la , mondiale Under 20 nel 2005 e oro olimpico del 2008, a parte.

Neymar, stalla del , è rimasto deluso: battuto dal suo ri ed ex compagno nel , senza gol e senza storia!

Era dal ’93 che l’Argentina non sollevava la Copa America. Dopo 28 anni e 4 nali perse nelle ultime 5 edizioni, è festa!

E anche per Lionel prima vera gioia in albiceleste superati i 34 anni. n

Non sarà sicuramente il ‘’ del 1950, ma questa scontta ai brasiliani fa male come 71 anni fa.

Gara partita subito tosta e scorretta: primo giallo dopo neanche 3 minuti per duro fallo di Fred su Montiel. Tutti capiscono che sarà durissima.  Ed in particolare Neymar che quando non viene fermato con le buone (pantaloncino strappato) ci sono  le ‘cattive’.

Nella rissa di emozioni però al 22’ il risultato si sblocca: De Paul con un taglio profondo trova di Di Maria, sbagliano Thiago Silva e Renan Lodi ed ‘El deo’, s’inserisce arrivando a tu per tu con Ederson per superarlo con un morbido pallonetto.

La reazione del trova solo una conclusione di Casemiro, parata senza affanni da Emiliano Martinez. Altrettanto più di il tiro, deviato, di Everton: presa facile del portiere argentino.

Tuttavia, dopo un avvio di secondo tempo ad alto ritmo, la nale torna nel controllo delle difese spezzettata e poche occasioni.

La girandola di sostituzioni non cambia l’andare della partita, Argentina solida in difesa, poco preoccupata dal subentrato Gabriel Barbosa (Gabigol) il quale inamma la Seleção con un paio di occasioni deviate in angolo, ma niente di più.

potree chiuderla ma fallisce il 2-0 solo davanti a Ederson, dopo un altro assist di De Paul.

La vittoria non è più in discussione e Scaloni batte Tite a Rio de Janeiro. La storia del argentino annota l’ultimo trionfo!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply