ULTIM'ORA

Giù AcNapoli, su Old Boys: sabato? Doppietta Calaiò!

WE3_0998-1-400x240
 Il primo Torneo AICS nelle sezioni  over 50 over 40 entra nel vivo, riprendendo le attività dopo 40 giorni di sosta. E si vede sopratutto tra gli over 50, in particolare nella prima sfida di giornata tra Unit Naples e Ac Napoli, chiusosi con uno 0-0 a tratti anche noioso. Meglio la sfida tra Old Boys ed Esperia con 5 reti ed un andamento che a la squadra di casa alla distanza.Sabato pmo match clou tra AcNapoli e Old Bopys per il primato di classifica che deciderà anche gli accoppiamento delle semifinali.United Naples – A.C.Napoli’26 0-0United Naples: Lucci 6,5, Guida 5,5, Pini 6; Testa 6, Torrente 5,5, (18′ Rinaldis 5,5), Volpe 6,5 (52′ Di Costanzo 5,5); Pescane 6, Cardone 6,5, Caliano 6,5, Piretti 6 (38′ Finamore 6,5). Allenatore: Corrado 6.A.C.Napoli: Cirillo 6,5 (70′ Bruno 6), Piacente 6,5, Fabozzi 6,5, Mancuso 5 (46′ Solpietro 5), Napolitano 7, Naddei 5,5 (53′ Battista 5,5), Zurlo 6 (46′ Spina 6), Invito 5,5, Riso 5,5 (63′ Mannelli 6), Muro 6,5 (41′ Annunziata 6), Capparelli 6 (74′ Di Maro 5). Allenatore: Paoletti 6.

Arbitro: A.D’Alise 5

Ammoniti: 41′ Fabozzi

di Nino Campa - Se AC Napoli primo in classifica ha tutto da perdere e United bisogno assoluto di un punto, il risultato a i padroni di casa a discapito della qualità della gara, brutta, confusa, a tratti dura e penalizzata anche dal vento.

Se ci si mette poi l’infortunio muscolare di Muro costretto a lasciare il campo poco dopo la mezz’ora ed un errore incredibile dell’arbitro, che prima fischia un rigore a United mostrando il ‘rosso’ a Napolitano e poi torna sui suoi passi per la ‘confessione’ di Caliano, è quasi impossibile value meriti e demeriti delle squadre.

Il meglio è nella ripresa: United spreca due-tre possibilità in contropiede, tenendo in apprensione Cirillo e poi Bruno su calci di punizione ben calciati ma di poco a lato.

AcNapoli costruisce due chiare occasioni, vanificate da Mannelli servito al bacio da Annunziata (73′) poi da Spina che all’82′, a tu per tu con Lucci, tira addosso al portiere mandando all’aria l’unica chiara palla gol della partita.

Difficile per entrambe ripresensi in campo dopo 40 giorni di sosta forzata, ma sopratutto AcNapoli dovrà fare in fretta a recuperare una condizione decente per lo scontro diretto e decisivo per le semifinali contro Old Boys, sabato pmo.

 

Old Boys – Esperia 3-2

 OLD BOYS: Tramonto 6, Cardone 5,5 , Perna 6 (55′Russo 6), Marfella 6 (50′ Errico 6), Addeo 5,5 (46′ Dell’ Aquila) , D’Amore 6, Anaclerio 6, Fiorillo 6,5, Scognamiglio 5 (46′ Scuteri 8), Silvano 6,5 , Ajello 6,5. Allenatore: Ippolito 6
ESPERIA: Campese 5,5 Izzo 6, Averto 6 (60′ Amaro 6), D’Amore 5,5, Esposito 5,5, Ascione 5,5, Esca 5,5, Tramontano 6,5, Radice 5,5, (46′ Piscopo 6), Rizzo 6 (46′ Formisano 5,5), Fiorillo 6,5. Allenatore: A.Campese 5,5
Arbitro: Mercurio 5
Reti: 3′ Radice, 36′ Tramontano; 60′, 70′, 89′ Scuteri.
Ammoniti: A.Campese, Tramontano, Scognamiglio, Ajello, Dell’ Aquila.
di Nino Campa - Pronti via, l’1-0 arriva già al 3′: segna Radice per l’Esperia che sorprende tutti. Non cambia granchè per Old Boys e bisogna attendere poco dopo la mezz’ora per un nuovo sussulto: è il 2-0 di Tramontano con un pallonetto che sfrutta la ‘frittata’ dei centrali della difesa avversaria, restando indisturbato davanti Tramonto.
Il risultato è sorprendente e resiste fino all’intervallo.
Qui comincia un’altra partita, ovvero lo show di Scuteri autore di una tripletta, una traversa, almeno 2 conclusioni che impegnano il portiere Campese al ite. Scutieri ribalta il risultato e la vince da solo, peraltro ripreso più di una volta da capitan Anaclerio che vorrebbe essere servito in area di rigore.
Primo tempo da dimenticare ma Old Boys ottiene i 3 punti per agganciare AcNapoli in testa alla classifica. Ugualmente incredibile il secondo tempo che vede Esperia sulle ginocchia già dopo un quarto d’ora. I verdi non pressano, restano troppo bassi, rinunciano a contrattaccare. Servono cambi ma il tecnico Campese non ne ha ed arriva il crollo anche fisico degli ospiti.
A parità di forze sarebbe stato impossibile perderla, ma l’imprevedibilità è la bellezza del anche a livelli ‘amateur’.
Siparietto sull’arbitro Mercurio: voto 4! Ha la vocazione del prot… Ad un certo punto redarguisce un giocare che perde tempo per battere un angolo e si sente rispondere: … fratè tengo 65 anni… stai calmo.
Non è serio. Come non è serio ammonire allenatore e portiere di riserva di Old Boys e poi tapparsi le orecchie per le conseguenti frasi irriguardose. Non si vive di solo pane!

 

Torneo ‘Over40′. 

UNIT-SUPERO’ 3-5

RETI: 13’ Galizia (U), 23’ Romano (S), 55’ Manzo (S), 67’ Ferraro (S), 82’ Fusco (U), 85’ Manzo (S), 90’ Brasiello (S), 90’ Fusco (U).
SUPERO’: Russo 5.5, Festanese 5.5 (45’ Leone 6.5),  6.5 (88’ uga S.V), Di Franco: 5.5 (45’ Bava 6), Terracciano 7, Dello Russo 6, Ferraro 7, Monaco 6.5,
Prisco 6 (70’ Galeone 6), Manzo 8 (80’ Brasiello 6.5), Romano 6.5. Allenatore: A. Cristiano 7
UNIT: Frallicciardi 5, Amalfitano 5.5 (44’ antino 6), Incarnato 5.5, Chiummariello 6, Bonanno 6.5 (80’ Principe S.V), Gentile 6 (80’ Peciolo S.V), Montuori 6, Mele 5.5 (60’ Scasserra 5.5), Bacioterragno 6, Fusco 7, Galizia 7.5. Allenatore: Tipaldi 5.5
ARBITRO: De Luca 6.5
Ammonizioni: 28’Di Franco, 50’ Montuori, 82’ Dello Russo
di Edoardo Menna - Splendida partita fra due squadre molto offensive: equilta nel primo tempo, incredibilmente vivace nel secondo. La trama è stata molto chiara, con gli Unit che cercavano costantemente la profondità e gli scambi verticali fra Galizia e Fusco, mentre i Superò puntavano più sul palleggio calmo e ragionato, con tanti giocatori coinvolti nella manovra offensiva, polarizzata principalmente sulla corsia di sinistra. È proprio il fantasista Manzo il migliore in campo, che su quella fascia insieme a  è stato davvero una spina nel fianco per gli Unit nel primo tempo (Montuori infatti molto spesso è rimasto prudentemente arretrato, quasi come un terzino aggiunto).
Manzo dunque è stato protagonista di quattro dei cinque gol dei Superò. Anzitutto propizia il rigore, trasformato da Romano, che pareggia i conti aperti dal gol di Galizia, per distacco il più dinamico e intraprendente dei bianchi.
Nel secondo tempo sempre Manzo è autore di due gol, nel mezzo anche il suo assist per il gol di Ferraro. Tra le file bianche invece si distingue ancora una volta in questo torneo Fusco, ultimo a mollare dei suoi, autore di due reti proprio quando il match sembrava perso. Prolunga le speranze, ma senza impedire la sconfitta, meritata, dei suoi.
CR74-HIGH TECH DENTAL 1-3
RETI: 46’ Stifano (H), 75’ Anatriello (C), 85’ e 90’ Calaio’ (H)
CR74: Lucci 5, De Mata 5.5 (51’ Mazzi 5), Galeota 5.5 (51’ De Angelis 5.5), Varrecchia 6 (46’ Russo 6), Longobardi 5.5 (70’ Pinzolo 6), Perrotta 6 (46’ Di Vaio 5), Loffredo 6 (70’ D’Ascenzo 5.5), Ssantonastasio 5.5 (76’ 5.5), 5 , Tascone 6.5 (80’ Mallardo 5.5), Anatriello 6.5.  Allenatore:  Nacci 5
HIGH TECH DENTAL: Calvino 6 (63’ Minucci 6), Ciaccariello 6 (45’ Moriello 6.5), Mora 6.5 (45’ Stifano 7), Del Gaudio 6.5, Scognamiglio 5.5 (45’ D’Ambrosio 6), Piscopo 6, Camorani 7, Grillo 6 (60’ Giaccio 6), Promontorio 5 (45’ Mannella 6), Morra 5.5, Calaio’ 7.5.  Allenatore: Ruocco 6.5
ARBITRO: Parretta 6
Ammonizioni: 30’ Scognamiglio, 35’ Perrotta, 45’ Piscopo, 45’ D’Ambrosio, 50’ Taascone, 75’ D’Ascenzio.
di Edoardo Menna - Partita molto combattuta ed equilta, soprattutto nel primo tempo. Si registrano infatti nella prima metà di gara davvero pochi tiri da entrambi i lati, frutto di due difese molto attente. Quella di High Tech più alta e aggressiva, mentre quella di CR74 più bassa e prudente: 0-0 giusto.
La ripresa tuttavia è davvero un’altra musica, sin dal primo minuto. Infatti ad aprire le marcature è il subentrato Stifano, che batte violentemente il pallone in rete dopo un’azione fantastica in soliia di Camorani, che salta due avversari e scarica un pallone arretrato dalla corsia di sinistra.
Il CR74 tuttavia riesce a riporla sul binario giusto al 75’, con una perla da di punizione di Anatriello, che si fa perdonare dopo aver sbagliato un gol a porta vuota a inizio ripresa. Tuttavia nel finale a prendere la situazione in mano è Emanuele Calaiò, che prima riporta in vantaggio gli Hight Tech Dental con un colpo di testa impeccabile, su altro assist di Camorani, poi con un tocco ente di interno sinistro chiude definitivamente il match.

 

 

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply