ULTIM'ORA

Rivera il primo, Weah l’ultimo… tanti ex in politica!

gianni-rivera-tf-ipp-672

Più lungo del coast to coast che l’ha reso celebre quel giorno di settembre del ’96 contro il Verona a , il percorso politico di George Weah l’ha finalmente portato al traguardo: l’ex centravanti del è il nuovo presidente della Liberia.

King George Weah entra nell’élite di ex sportivi entrati in . Non il solo…

In Italia il calciatore più ‘politico’ è stato sicuramente Gianni Rivera, eletto in 4 legislature; ma più indietro nel tempo va ricordato Amadeo Amadei, Fornaretto di Roma, che si candidò a sindaco ma perse.

Più recenti i casi di Kaka Kaladze, già Ministro dell’Energia e delle Risorse Naturali e poi viceer della Georgia, eletto sindaco di Tiblisi; e quelli di Romario (re dal 2014), Bebeto (deputato) e della leggenda del Vasco da Gama, Roberto Dibamite, consigliere e deputato a Rio.

Sempre in Sudamerica Julio Cruz ha corso per la carica di sindaco di Lomas de Zamora anche se non eletto; mentre il suo ex compagno nel Bologna, Carlo Nervo, il sindaco l’ha fatto a Solagna, nel vicentino.

Non è detto che i , mantengano stesso livello in altri settori.
Ad esempio c’è una proposta di legge di Romario “Proibire la musica funk, perché esalta il crimine”
- approdata in – che ha fatto ridere il Brasile.

Poi per fortuna ha fatto un passo indietro spiegando: “Vengo dalla favela, non posso essere contro la musica. Il problema sono i reati che si consumano durante le feste”.

Altrove, Blochin, mito russo, è stato eletto nel Parlamento Ucraino; Hakan Sukur è diventato parlamentare turco nel 2015, ma poi, col tentativo di pe dell’anno dopo è stato accusato di essere affiliato ad un gruppo terrorista.

Massimo Mauro, Stefano Tacconi, Sheva, Giovanni Galli: hanno tutti fatto .

Così come Marco Pecoraro Scanio, un modesto centrocampista che negli anni ’80, dopo essere cresciuto nelle li dell’, giocò con Rimini, Salernitana, Avellino, Cagliari, Genoa, Ancona, per chiudere la carriera nel ’95 a Lecce.

Una decina d’anni fa è stato re della Repulica, per i Verdi. Grazie al fratello.

Ora c’è Weah sugli scudi…
Auguri.