ULTIM'ORA

Vrenna accusa: arbitri, venuta meno buona fede!

url-16

di Nino Campa – La di Nicola, le accuse pesanti di Gianni Vrenna AD del Crotone. “no a questo momento siamo stati in silenzio e abbiamo rispettato un po’ tutti, ma adesso iniziano ad essere un po’ troppi gli errori arbitrali contro il Crotone. no alla partita con il credevo nella buonafede degli arbitri, però dopo ieri questa buonafede sta venendo a mancare”.

E’ un ume in piena Vrenna dopo il contestatissimo arbitraggio di Mariani al . “Ieri Mariani ha preso 5 in pagella, secondo me un voto anche alto. Per non parlare poi contro la che andiamo in vantaggio e ci viene annullato un che non era assolutamente in fuorigioco, come contro il in casa con il in fuorigioco di Belotti di 2 metri e non viene visto, così come ad perdiamo 2-1 su un altro in fuorigioco che non viene visto. I torti adesso pesano, è vero la nostra classica è deciia però le terne arbitrali ci mettono del loro. Errori macroscopici. Ieri nel momento in cui ha fatto il fallo Rog, Sarri ha fatto subito la sostituzione perché graziato da Mariani. Capisco il , i valori tecnici sono superiori, ma con loro in 10 una speranza per il Crotone di recuperare c´era”.

A gamba tesa contro gli arbitri. “Anche sul primo rigore di Insigne c’era un fuorigioco netto da parte dello stesso Insigne. Su un nostro rinvio di Martella sulla ripartenza prendiamo il di rigore, che se schia prima il fuorigioco può darsi allora che non ci sia di rigore. Così come il secondo di rigore inesistente. Tanto che i nostri stessi calciatori hanno detto allo stesso Hamsik di dirlo e di parlare con l´.
Tra l´altro era anche in fuorigioco e non era di rigore. Sono rimasto molto molto amareggiato. Si vede poi che anche delle altre squadre, non sta vincendo nessuno quindi quando hai un minimo di speranza di poter recuperare ti tagliano le gambe. Io però non me la prendo con il , me la prendo con chi deve dirigere una partita di ed essere imparziale. Ieri l´espulsione di Rog c´era tutta e dopo nemmeno due minuti mi ammonisci Crisetig”.

Il tutto non fa una piega: anche a Crotone possono dire che i nemici sono quelli del Nord!