ULTIM'ORA

Il Leone è Pirlo, voilà: Benfica e 2 spagnole.

live4404_94303_immagine_ts673_400

di Antonella Lamole, Benfica e le spagnole Valencia e Siviglia: missione compiuta, bianconeri in semifinale di Europa League.

Dopo 6 anni una squadra na è nelle ‘final four’ di una coppa europea e ci torna 11 anni dopo la semifinale giocata con il Real nella che poi avrebbe perso ai rigori contro il .
Non facile, da un po’ la ntus ha perso smalto e il Lione esce tra gli applausi, avendo provato con umiltà e impegno a ribaltare il pronostico.

Partita con qualificazione in bilico fino all’auto decisivo su tiro di Marchiso. Dallo in ansia, qualche fischio.
Due volte Buffon ha salvato il pari, facendosi perdonare l’errore sul di Briand.
Fatale la deviazione di Umtiti su Marchisio che ha sollevato i 40 mila dello ‘ntus ’. sperava di essere grazie all’ennesima magia di Pirlo, la 46a punizione in carriera e terza decisiva nel mese dopo Genoa e in Europa League.

Voilà, il Lione è stato Pirlo!

Una ghese e due spagnole, ha anche il compito di salvare il ranking no. Il massimo sarebbe eliminare il Benfica in semifinale. Pericoloso.
Si è qualificato battendo 2-0 l’Az Alkmaar, con doppietta di Rodrigo, 39′ pt e 26′ st. Due vittorie contro gli olandesi con l’1-0 dell’andata.

Le spagnole.
Il Valencia fa l’impresa con la remuntada impossibile per il 3-0 subito in Svizzera. Gli spagnoli hanno prima raggiunto il Basilea sul 3-0, nei supplementari si sono imposti per 5-0. Su tutti Alcater autore di una tripletta. Di Vargas ex e Bernat le altri reti. Due espulsi nel Basilea nel primo supplementare.

Il Siviglia invece ha schiantato 4-1 il . Partenza esplosiva: Rakitic al 5′ su rigore, Vitolo al 26′ e Bacca 29′ hanno raggiunto la qualificazione. Messa al sicuro da Gameiro al 34′ st. Di Quaresma 47′ il bandiera ghese, ammainata in Andalusia.