ULTIM'ORA

Spagna, esame Ventura: niente Balo, duo Immobile-Belotti!

C_29_articolo_1120970_upiImgPrincipaleOriz

di Chiara Beni - Spagna in casa, Macedonia fuori: ora sapremo come è veramente l’ di Ventura!
“La Spagna è un appuntamento importante, non decisivo. Loro sono la squadra più forte del girone e sono cambiati rispetto al passato. Noi abbiamo perso qualche giocatore”.

illuso e rimandato?
“Non si discute come giocatore, non ho preclusioni. Ora gli serve continuità. L’ho preconvocato perché è tornato a giocare e segnare, ma ora deve dimostrare continuità”.

Davanti la coperta rischia di essere corta: “Speravo di avere Pavoletti con 5-6 gare in più e invece non è così. e Belotti possono giocare insieme e in una delle due partite lo faranno sicuramente”.

A Torino arriva la Spagna: “Non perdono una gara di qualificazione al mondiale da 23 anni. Hanno cambiato modo di giocare e ora sono convinti dei propri mezzi, sarà una diversa rispetto all’Europeo. Il nuovo tecnico ha portato nuovi stimoli”.

Verratti sì, ma non a tempo pieno: “Va monitorato e devo capire se è più importante averlo con la Spagna o con la Macedonia perché va dosato. Darmian è venuto per una difesa a tre, poi mi aspetto tutto l’aiuto possibile dallo um”.

Il campionato dice che davanti a tutti c’è ancora la col suo blocco, crescono essanti…
“Il torneo sembra finito ma è appena iniziato. La Juve ha la rosa più completa, ma non hai certezza di vincere. Per quanto riguarda i sono contento che ce ne siano tanti in mostra, io ho insistito per avere la possibilità di vederli da vicino. Poter fare piccoli stage e farli entrare nella famiglia azzurra sarebbe bello. Ovvio, devono giocare nelle rispettive squadre, ma i pressupposti per dar loro il palcoscenico della vanno creati”.

Chiellini out. “Vedremo se Romagnoli riuscirà a recuperare o meno per avere un difensore mancino. Mezzala sinistra? Bonaventura e Bernardeschi li ho provati, non ho giocatori di ruolo in certi casi. Per esempio, l’unico terzino sinistro mancino in è Antonelli”.

Un rimedio per tutto si chiama Florenzi, schierato da dietro la punta contro l’: “Ha troppi ruoli ed è difficile dire quale sia il suo. Ha tante qualità ma nel nostro contesto può fare il quinto o la mezzala. Prima o poi dovrà prendere una strada precisa”.