ULTIM'ORA

Var = scudetto: Napoli e Juve non pagano mai!

1515396835_340

di Paolo Paoletti - Il Var, grande innovazione di questa stagione che avree dovuto itare errori e polemiche è disprezzata proprio dagli ! L’inferno nell’opinione pulica, sia tra gli addetti ai lavori sia tra i tifosi; dai toni sempre più accesi dopo gli due gravi episodi: il rigore negato al Crotone in Crotone-Napoli per fallo di mano di sull’1-0 e il rigore negato al Cagliari in Cagliari-ntus per fallo di mano di Barnadeschi sullo 0-1 per la !

ntus, Napoli e , le più favorite sui piccoli .
I pro Var parlano di errori ‘normali’ al primo anno di sperimentazione, in effetti è in atto una lotta all’ultimo fischi tra gli , Nicchi e la Federcalcio allo sbando!

La verità è che gli hanno trovato l’antidoto: dicono di aver visto anche quando non hanno visto preferendo l’errore proprio allo sputtanamento della mo.
Il reamento è approssimativo e incompleto soprattutto su fuorigioco e falli di mano, e bisogna
ammettere che la mo in campo non ha risolto niente. Anzi, la confusione è totale.

. Il cambiamento ne vuole inevitabilmente ridurre il potere decisionale. Sempre più frequente il ‘controllo silente’ alla consultazione del monitor a bordocampo. La bagarre è scattata dalla ‘tendenza’ recente ed arbitraria, di non avvalersi più del Var.
Senza arrivare alle proteste accesissime di Crotone e Cagliari parlare di campionato falsato è lecito.

COSI NON SERVE. L’assenza di certezze nel protocollo di applicazione della tecnologia ha generato caos e fazioni. Negli anni l’Ifab, unico organo col potere di cambiare le ree del calcio, ha seguito chi spingeva per una disciplina sempre più incerta e quindi spettacolare. Lo dimostrano le norme cervellotiche su rigori o fuorigioco, che hanno aumentato la discrezionalità.

La mo in campo è quindi uno specchietto per le allodole per gestire il solito potere.
L’errore arbitrale va accettato serenamente senza aumentare gli alibi dei perdenti.
Servono ree certe, più bravi e indipendenti, più competitività del campionato.

Se per tutto il torneo solo l’Inter si è alternato per 1 giornata in testa alla classifica, le decisioni arbitrali diventato sospette.
Se sbagliano, gli DEVONO PAGARE messi a riposo per un tempo proporzionale all’errore fatto.
Chi vuole la mo deve avere il coraggio di garantirle di intervenire sempre su ogni cosa e far diventare il calcio altra cosa, con tempo effettivo e pulicità dei filmati utilizzati stualmente alle decisioni sui campi.

Solo così, i tifosi diventeranno sportivi e non viceversa.
Lo spirito di campanile va salvaguardato e contare più dei soldi che i presidenti ricchi e scemi si mettono in tasca!