ULTIM'ORA

Vale, ecco la Yamaka M1: può vincere!

C_29_fotogallery_1016963__ImageGallery__imageGalleryItem_19_image

di Carmen Castiglia - Con la presentazione della M1 2017 è iniziata la stagione MotoGP. A Madrid sono stati tolti i veli alla nuova moto di ntino che avrà al suo nco Maverick Viñales. Livrea molto simile a quella degli anni con lo sponsor Movis a farla da padrone: via il bianco e tonalità di blu più scura. Come al solito giallo il 46 di ntino, mentre lo spagnolo per il 25 ha optato per il rosso.

ntino in presentazione dice: “È sempre un momento molto emozionante perché è l’inizio della stagione. Io mi sto allenando come sempre al meglio per essere pronto per la stagione”.

c’è Viñales: “È un compagno molto forte come lo era Jorge Lorenzo. Sarà una battaglia”.

Il numero 46 è già salito sulla nuova moto a ncia nei test… “La prima impressione è stata positiva, ora andremo a Sepang per fare altri km e migliorare ancora”.

L’obiettivo è sempre : “L’importante è rimanere concentrati per tutta la stagione e lavorare forte. Poi si vedrà…”.

A Madrid, con la presentazione , comincia la 22esima stagione del signor nel moto.
Il 16 feraio il numero di candeline da spegnere sulla torta salirà a quota 38, ma non è certo l’anagrafe a spavene l’eterno ragazzo che è ancora lì a provarci, in mezzo a un gruppo che frequentava l’asilo quando ntino iniziava la sua avventura nel . Nel 1996 debuttava in 125 e vinceva il suo primo Gran o, mentre Maverick Vinales, il nuovo compagno di squadra, festeggiava il primo anno di vita. Fa impressione, ma si tratta di uno dei tanti dati di tà con i quali aiamo a che fare quando si tratta del fenomeno . Proprio Vinales sarà ‘ostacolo principale di ntino nella caccia al decimo titolo. Maverick, che ha preso il posto di Lorenzo, è reduce da una stagione fuori media con la Suzuki e pare un talento difficile da addomesticare, valutate fame e ambizione di arrivare lassù in fretta. ne è consapevole tant’è che a Madrid ci ha scherzato su. “Speravo che Maverick impiese un po’ di tempo a capire la invece, purtroppo per me, è andato subito forte”.