ULTIM'ORA

Mondo assassino: la foto di Aylan, ucciso da tutti!

COMBO BIMBO

di Ornella Caruso - Il mondo in ginocchio su una spiaggia della Turchia, davanti ad un bambino steso supino che sembra dormire.
E la differenza tra l’apparenza di un’immagine e lo shock della cronaca. La foto di Aylan Kurdi, il piccolo profugo siriano di tre anni annegato davanti alla spiaggia di Bodrum, è rimbalzata nelle ultime ore in tutta la sua potenza visiva sui media e sui social, suscitando l’indignazione del web. Un’immagine forte quanto la crudeltà di ciò che si vede, che spinge quasi tutti a parlare di “naufragio dell’umanità”. In poco tempo la foto ha fatto il giro delle coscienze sulle bacheche di Facebook, nei proli twitter e sui blog, rubando spazio come un gigante di fronte ai post, gli status e i sele di ogni giorno. “E’ giusto pulicarla, non si può vole le spalle alla realtà”, è stato il verdetto del popolo social, che nel tam tam del web ha adottato l’hashtag #Aylan. E poi umi di aforismi e citazioni, dagli anonimi a Dostoevskij, sotto quello scatto.

“Spero fermi il dei migranti”, dice Nilufer Demir, la giornalista dell’agenzia di stampa turca che ieri ha scattato la foto. “L’evidenza dei fatti e delle tragedie a cui si assiste hanno una forza di persuasione molto alta”, ha detto il presidente della Repulica Sergio Matella. “Immagini che stringono il cuore” per il er Matteo , convinto che “l’ non può perdere la faccia”. “E’ diventata il simbolo del falento dell’ sul piano umaniio”, scrive il settimanale cattolico Famiglia Cristiana.

Pochi quelli che hanno chiesto di fermare la “diffusione di quella morte che fa spettacolo”. Tanti gli utenti convinti che “le parole non hanno la stessa forza delle immagini”. Altri si sono chiesti se sia “necessaria una foto per smuovere le coscienze” o hanno chiesto “meno indignazione e più corridoi umanii”. Dopo un po’ la foto di cronaca ha lasciato spazio al signicato della gura. E l’immagine di quel bimbo morto con la maglietta rossa e i pantaloncini scuri, con la faccia in giù, appena lambito dall’acqua, è diventato un punto di riferimento sso attorno al quale cambiava l’ambiente in diversi disegni e foto ritoccate dagli stessi utenti, ingigantendo la sostanza: a volte quel corpicino disteso era nella sala riunioni dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, altre di fronte ai deputati del oppure sdrto su una cartina geograca divisa da un muro, inne adagiato in una culla. Così il web ha ricostruito gli ambienti senza mai far cambiare l’atroce protagonista: come già successo per le foto simbolo degli decenni, il mondo si è osservato ruotando attorno a se stesso.