ULTIM'ORA

Ultimatum Malagò al calcio: riforme subito o Commissario l’11/12!

malago_parma

di na Collina - Nuovo colpo di scena: Malagà annuncia il commissariamento della Figc dopo l’11 dicembre termine ultimo per dare i alle Leghe di A e B.
La Giunta del , in convocazione straordinaria si è conclusa alle 18,15, dopo due ore.

Con una decisione prevista: la Feder non sarà commissariata subito. Si andrà avanti per una ventina di giorni dopodiché, in caso di esito negativo, l’ultimatum: la Figc sarà commissariata.

ULTIMATUM A LEGA E FIGC. Dopo la Giunta , la minaccia di Giovanni Malagò: “Era doveroso convocare questa Giunta, questa vicenda è una piena che travolge e tutti, per me il va riformato da tutti i punti di vista. La mia posizione è netta, direi categorica: il va riformato e cambiato: non si può non passare da un commissariamento con poteri ampi e lungo. Perché il male esiste alle radici ed è di carattere statutario”.

Malagò resta fermo sul commissariamento della Feder… “in questo momento – per impedimenti giuridici – non c’è il modo di farlo. Fino alle pme scadenze elettorali per la Lega di B e soprat per quella di . Una finestra fino all’11 dicembre, direi dal 30 novembre all’11 dicembre, dopodiché prenderemo le opportune decisioni. La ha l’occasione di decidere e di dimostrare quanto conta”.

ORE 18,15: STOP GIUNTA. E’ durata poco meno di due ore la riunione della Giunta , presieduta da Malagò. Si è deciso di non commissariare (subito) la Feder, in attesa di scadenze previste per la e la Serie B. Tra poco la conferenza stampa di Malagò.

ORE 16,30: GIUNTA. Puntuale, alle 16,30, la Giunta ha cominciato la riunione, presieduta da Giovanni Malagò. Le poche battute dei protagonisti hanno ribadito la tesi che la Feder non sarà commissariata e che ogni decisione sarà rinviata dopo il pronunciamento della Lega di A e della Lega di B riguardo ai l vertici. E’ scontato che domani, giovedì, la Lega di Serie B elegga il suo presidente (Balata). Molto difficile, se non impossibile, che la Lega di lunedì possa sciogliere il nodo-presidente. La fino all’11 dicembre è commissariata, commissario è Carlo Tavecchio, ed è verosimile che il conceda questi 18 giorni prima di chiudere il cerchio attorno al futuro della Feder, ipotizzando per la terza decade di gennaio le elezioni del nuovo presidente (favorito Cosimo Sibilia).

DI A E B. La Giunta serve a dissipare i dubbi l’immediata emergenza di sostituire Carlo Tavecchio da qui a metà febbraio. Nelle pme ore, poi, gli altri passi decisivi: la Lega di A eleggerà (si spera) presidente e consiglieri federali lunedì pmo 27 novembre; la Lega di B nominerà domani il suo capo, se ne conosce già l’identità, sarà Mauro Balata. Chiudendo, a quel punto, il cerchio sul della Figc (il Consiglio federale) che finalmente potrà essere completato coi suoi canonici 21 componenti.

SIBILIA, PRESIDENTE?. “Io candidato alla Figc? Abbiamo bisogno della convergenza di tutte le componenti perché il mondo del vive un momento difficile. Io discuterò con tutti col che rappresentano il nostro mondo a partire dalle componenti tecniche ma anche con la Lega di A (quando ci sarà il presidente), la Lega di B, la Lega Pro e gli arbitri per cercare tutti insieme in modo responsabile di trovare la migliore soluzione”. Lo ha detto il presidente della Lega Nazionale Dilettanti e vicepresidente vicario della Figc, Cosimo Sibilia, in un’vista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, in merito ad una sua possibile candidatura alla presidenza della Feder sottolineando che “il non commissarierà la Figc”.