ULTIM'ORA

Juve, tutto in 90′: si gioca faccia/futuro.

juve

di Antonella Lamole - Serve la Juve migliore per espugnare Wembley che significherebbe di Champions League. Questa sera dalle 20.45, e la squadra si giocano dopo il 2-2 dell’andata. Ed i precedenti non aiutano!
Il Tottenham di Pochettino è un passo avanti in una cornice in cui raramente sbaglia e dove in questa stagione sono caduti già , Manchester United, e Bo Dortmund.

Nel passaggio momentaneo degli Spurs a Wembley, in attesa che dalle ceneri del ‘White Hart Lane’ nasca il nuovo , c’è stato tempo anche per un precedente tra le due formazioni: il 5 la cadde con 1 gol per tempo sotto i colpi di Kane ed Eriksen in un’amichevole estiva in cui non vennero risparmiate le prime linee. Per i bianconeri questa sera la montagna da scalare potrebbe rivelarsi altissima visto lo straordinario momento di forma del Tottenham, che dalla sconfitta contro il City del 16 dicembre ha iniziato una lunga serie positiva ancora non conclusa e che in casa ha ceduto il passo solo una volta in campionato, il 20 contro il , e una in EFL Cup a ottobre contro il West Ham. Gli Spurs hanno concluso il girone di Champions senza mai perdere nonostante il raggruppamento con e Bo Dortmund non li facesse partire come favoriti: alla fine è arrivato un primo posto grazie anche ai quattro punti conquistati contro i Blancos, caduti a Wembley con la firma di Eriksen e due volte Alli, ma soprat grazie alle sole quattro reti subite all’no di un girone che ha saputo regalare spettacolo.

Servirà la migliore e ne è consapevole che alla vigilia ha voluto suonare la carica: “Bisognerà essere cinici e fare meglio dell’andata – ha dichiarato il tecnico bianconero – serviranno pazienza e tecnica. Per noi sarà una finale”. Le buone notizie arrivano dalle convocazioni, con Higuain e Dybala in forma partita e pronti a scendere in campo. Recuperato anche De Sciglio, mentre Mandzukic dovrà stare ancora a riposo. Nessuna novità in casa Spurs, con Pochettino pronto a mandare in campo il tridente composto da Lamela, Alli e Kane con Eriksen pronto agli inserimenti dalla linea di centrocampo.