ULTIM'ORA

Tutti contro Lotito: 3000 tifosi in piazza!

tifosi.lazio.protesta.manifestazione.2016.750x450

di na Collina - Ore 19.00. Secondo Calciomercato.com, i presenti alla manifestazione anti-Lotito è salito oltre 3000.
Intanto ha preso la parola sul palco Giorgio Sandri, padre di Gabriele, per condannare l’operato della società.
Cori per Gabriele. Secondo quanto appreso, c’è stato anche un incontro tra i rappresentanti dei più Wilson e Oddi, due dello del ’74, il primo della Lazio, e il prefetto di .

Ore 18.30. Sulle mura della Prefettura i hanno appeso uno striscione enorme con scritto: “Liberaci”. Alcuni cori da parte dei sono particolarmente ironici, come “La moglie di Lotito è Igli e”: c’è anche un palco, dal quale stanno parlando i leader dei .

Ore 18.15. Comincia la manifestazione: parecchi i cori contro Lotito, i partecipanti sono circa 2mila, in netta crescita. Striscioni contro la politica accusata di essere collusa con Lotito, cori anche in riferimento alla divisione della curva tte barriere che ha portato allo svuotamento della curva stessa. Presenti anche famiglie e bambini, non solo i organizzati.

Ci siamo, oggi è il giorno della manifestazione dei della Lazio contro la gestione socieia di Claudio Lotito: alle ore 18 in Via 4 Novembre, sotto la Prefettura di , parte l’iniziativa nata sui social che ha convinto la Curva Nord, lo zoccolo duro del tifo biancoceleste, ad aderire. Anche Giorgio Sandri, padre di Gabriele, parteciperà alla protesta. Il posto scelto per la manifestazione, a pochi metri dal Campidoglio, è simbolico ed è mirato a sottolineare i problemi del popolo laziale “a partire dalla società e per finire con le vetrate che hanno diviso la nostra curva”. Il dissenso nei confronti della società di Claudio Lotito e delle barriere allo che ancora sono presenti in curva, sia in Nord che in Sud, è ormai innibile. I della Lazio temono il peggio: le conversazioni tipo sono “Quest’anno rischiamo veramente di andare in B” e “Siamo in ritiro con la Primavera”. C’è grande preoccupazione per la situazione dei biancocelesti.

IL . La Curva Nord spiega: “Sarà una sorta di spontaneismo laziale che la parte più calda della tifoseria ha apprezzato. Ben venga questa iniziativa e invitiamo così tutto il popolo biancoceleste ad essere presente. Per dimostrare anche alle istituzioni che la situazione che sta vivendo il tifoso biancoceleste, a partire dalla società e per finire con le vetrate che hanno diviso la nostra curva, non è più sostenibile. Se la curva non sarà più la nostra casa dove poter tifare e se allora le strade torneranno ad essere il luogo d’incontro dei Laziali. Avanti spontaneismo biancoazzurro”.