ULTIM'ORA

Tris Juve mascherata, Madrid altra musica!

Calcio: Sassuolo-Juventus, Ronaldo segna e dedica gol a Dybala

di Antonella Lamole - Non c’è Dybala, ma non si vede. Non ci sono neanche Bonucci e Chiellini, ancora in infermeria, ma nonostante la rete inta la loro assenza si sente eccome!
Battuto il Sassuolo: è bastato il solito Ronaldo, che prima determina l’1-0 firmato da Khedira (destra non trattenuto da Consigli) poi segna di testa il 2-0 e infine porge l’assist ad Emre Can del 3-0.

Cristiano Ronaldo ha dedicato a Dybala il 2-0 aggiungendo alla tradizionale esultanza anche il gesto della maschera, copyright dell’argentino bianconero.
CR7 resta capocannoniere con 18 gol e la torna a più 11 sul , con 2 partite in meno da giocare rispetto all’ultimo massima vantaggio…

Dopo aver incassato 7 gol nelle ultime 3 partite, compresa, la porta è salva, e non accadeva dallo stesso 3-0 al Chievo.

Il primo momento diffi della stagione, a 9 giorni dall’Atletico Madrid a Madrid, non è passato ma la vittoria confonde tutti perchè la Juve alla fine, ma solo alla fine, stravince, concedendo con una di Szczesny, l’unica grande occasione al Sassuolo peraltro sull’1-0, sprecata da Berardi a porta vuota.

IN RISERVA. Barzagli, Bonucci e Chiellini, indisponibili, non hanno cambi in questa rosa. Allegri fa salti mortali: Rugani è rimasto un mezzo giocatore, Caceres centrale è un’eresia, De Sciglio e Alex Sandro danno il batticuore anche se autori di una discreta prestazione.

Rugani commette l’unico errore della serata facendosi soffiare palla da Djuricic che vola indisturbato verso Szczesny: contatto in are di rigore e o sospeso. Mazzoleni invitato alla Var, decide che non è rigore. Chissà…
Il brutto avvio della Juve lo dimostra il fatto che Pjanic, Khedira e Matuidi soffrono contro Bourabia, Sensi e Locatelli.

E il tridente con Bernardeschi, Ronaldo e Mandzukic, resta fuori dal gioco fino a quando Allegri piazza Berna sul regista neroverde. Da allora Peluso e Magnani, tra l’ex Lirola e Rogerio, cominciano a penare.
Mentre illudono le combinazioni del Sassuolo tra Berardi, Babacar e Djuricic bravi a scambiarsi di posizione.
Nel tourbiullon Locatelli al 15’ arriva in corsa e costringe Szczesny alla prima diffi deviazione.

KHEDIRA CENTRAVANTI. La Juve prima soffre poi segna. Stavolta non è di Ronaldo, ma è lui a propiziarlo: respinto da Consigli, conclusione in corsa di Khedira. E’ il 23’ e il tedesco non segnava dalla prima giornata, contro il Chievo.

Improvvisamente la squadra di De Zerbi si smarrisce, schiacciata da una aggressiva Juve che nel finale di tempo sfiora due volte il 2-0, prima con Bernardeschi e poi ancora con Khedira di testa.

. L’inizio ripresa, regala il brivido: sbilanciata in , Szczesny esce fino a centrocampo e cicca la palla lasciandola a Berardi che a porta vuota da trenta metri, non centra la porta.

Da allora, Ronaldo va a caccia del gol come uno spettatore aveva cercato lui per il campo con una invasione che si vede solo all’estero.
De Zerbi cambia inserendo prima Matri e poi Boga al posto di Djuricic e Babacar, mentre Allegri fa riare Khedira, rilanciando Bentancur.

Cambiano gli attori, ma alla fine decide sempre Ronaldo che al 70’ si avventa come un falco sull’angolo di Pjanic e di testa punisce Consigli: 2-0.
Il resto non conta, come gli minuti concessi a Dybala, al posto di Bernardeschi.
Eppure un duetto tra Paulo e Cristiano mette Emre Can in condizione di segnare.

Alla fine sembra troppa Juve per il tenero Sassuolo. Ma è così solo in parte.
A Madrid la musica cambierà. E il Frosinone, vincitore contro la Samp, è pregato di dare poco fastidio!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply