ULTIM'ORA

Treno: 27 morti, 15 feriti… l’Italia non è sicura!

SCONTRO TRA TRENI IN PUGLIA, 20 MORTI E 35 FERITI

Ansa - Sono andati avanti per tutta la notte i lavori attorno ai resti del tico scontro frontale tra due treni sulla linea a binario unico tra Corato e Andria, in Puglia. Una cinquantina di vigili del fuoco, assieme agli altri soccorritori, hanno continuato a tagliare e spose le lamiere contorte dei due convogli alla ricerca di eventuali dispersi: un lavoro, ha spiegato il ndante dei vigili del fuoco di Curzio, ancora lungo. Opereremo in questa maniera, anche con l’aiuto delle unità cinole, no a quando non potremo escludere la presenza di altre persone”.

Al momento il o ufciale resta quello della da serata di ieri: 27 accertati e 15 ancora ricoverati negli ospedali pugliesi, di cui una dedina in gravi condizioni. Attorno alle 9 inizierà al Policlinico di il lavoro per il riconoscimento delle salme: un’operazione molto complessa viste le condizioni di molti dei corpi recuperati. “Vi prego, fateci entrare, fateci vedere i nostri cari”: è la straziante richiesta che rivolgono i parenti delle vittime. Tra loro anche il cognato della mamma di Francesco Tedone, 19 anni, morto nel violento impatto: “Stava tornando a casa – dice – era andato a trovare un’amica”.

INDAGINI. Verrà costituito oggi un pool di magistrati che coordinerà le indagini. Potreero già essere iscritti i primi nomi nel registro degli indagati. La procura di Trani indaga per colposo plurimo e ferroviario. L’ipotesi è quella di un errore umano, anche se non si escludono tutte le altre ipotesi, compresa quella del guasto. Intanto emerge un particolare: erano due i treni delle Ferrovie del Nord Barese provenienti da Corato e diretti verso nord e uno di questi due convogli viaggiava con qualche minuto di rido: questa circostanza potree aver indotto il capostazione di Andria a dare il via libera al treno fermo in stazione. Il convoglio, circa dieci minuti dopo la partenza da Andria, si è scontrato con il treno proveniente da Corato. Ulteriori dettagli emergeranno dall’esame della scatola nera del treno proveniente da , estratta in condizioni intatte.

Sotto accusa viene messa la linea unica. E c’è chi punta il dito contro la mancanza di sistemi automatici di supervisione della linea ferroviaria: in quella tratta, infatti, viene ancora usato il cosiddetto ‘blocco telefonico’, cioè la comunicazione telefonica del via libera sul binario unico. I due convogli erano ultramoderni, uno del 2005 e l’altro del 2009, dotati di sistemi frenanti efcienti.