ULTIM'ORA

Totti: in campo fino a 40anni, poi DT per 6.

Comunali: il voto di Totti,io sempre per Roma olimpica

di Romana Collina - In campo fino a 40 anni con la 10 e lo scudetto nella testa, poi DT a vita!
Francesco ha firmato il nel giorno dell’89° anniversario della fondazione della Roma. Un appuntamento col destino per il giocatore che più di tutti ha to la sua vita ai colori della squadra della Capitale.

Per 25 anni giallsso, l’ultima per quel ragazzo entrato in campo per la prima volta nel marzo del 1993.
Da allora: 758 presenze e 304 reti nella Roma. Un’enormità per ‘il Capitano’.
Adesso spera di lasciare cucendosi sul petto un altro tricolore: “Spero veramente di chiudere la carriera riuscendo a vincere il mio secondo scudetto con la Roma. Ora però mi godo queste vacanze e il benedetto contratto. Ho sempre desiderato fare un altro anno con questa maglia e con questi colori. Era il mio sogno, sono riuscito a esaudirlo, e penso di essermelo meritato”.

Insomma, dopo un braccio di ferro l’attesa fumata bianca è arrivata negli uffici del club a due passi da Piazza del Popolo.

Archiviato l’obiettivo personale, c’è il pmo : “Noi ci crediamo. Sappiamo che c’è una squadra molto più forte di tutte in questo momento come la ntus, però oggi il presidente mi ha garantito che farà una grande Roma”. Pallotta alla fine ha dovuto ‘cedere’ alle richieste di , straordinario protagonista nel finale di stagione con gol e assist da annali del .

“Col , quando ha segnato due gol in pochi minuti, sembrava fosse arrivato Superman che si toglie i vestiti e salva la situazione – riconosce Pallotta – Ha chiaramente dimostrato che può aiutare la squadra. Si è guadagnato questo e noi siamo onorati che possa continuare a giocare per un’altra stagione”.

Che coinciderà con una sorta di passerella di in giro per l’Italia e per l’Europa. In cantiere ci sono infatti una serie di iniziative, con tanto di merchandising speciale in stile Nba, per celebrare l’addio del n.10.

“A Francesco ho detto di godersi il suo ultimo anno da giocatore – confessa poi Pallotta, che ha già dato appuntamento a a Miami dove entrambi trascorreranno qualche giorno di vacanza -. Così come hanno fatto Larry Bird e Kobe Bryant dovrà provare ad assaporare completamente questa esperienza, godendosela appieno con tutti i tifosi”. Il futuro d’altronde è già scritto, come spiegato da diretto essato: “Dopo quest’anno da calciatore ho altri sei anni da dirigente. Come ho sempre detto al presidente e alla società, preferirei un ruolo ben specifico come il direttore tecnico, l hanno acconsentito e gliene sono molto grato”.

chiuderà quindi la sua carriera all’, e metterà piede nell’impianto di proprietà di Tor di Valle da ex. “Il nuovo stadio sarà bellissimo e si potranno fare veramente grandi cose. Speriamo che si possa costruire il prima possibile e rimanerci a vita”, le sue parole già da dirigente, che fanno il paio con quelle spese in favore della corsa della città ai Giochi del 2024: “Da romano e romanista sarò sempre orgogliosamente a favore delle Olimpiadi a Roma”.