ULTIM'ORA

Toni deve al fisco tedesco 1,5mln: tassa di culto!

formazioni_verona_lazio_toni

di Marco Innocenti - Luca Toni e la Chiesa tedesca: guai! E’ incredibile ma l’attaccante del Verona, va a per il ed un errore del suo commercialista. In c’è una tassa da pagare sul culto, tributo allo Stato, qualunque religione si professi.

L’attaccante è tornato Monaco in tribunale e all’uscita era sperava: “Sono qui per trovare una soluzione”.
L’unico modo per non pagare è professarsi atei, rinunciando però ad ogni atto to alla religione. Il problema è che Toni è dichiaratamente cattolico.

L’errore, commesso nel 2007, è frutto della collaborazione tra il commercialista di Toni e , che lo indicò ateo.
Il , accortosi, ha chiesto un sollecito di pagamento sulla base dello stipendio percepito al Bayern, 6 milioni di euro l’anno!
Il debito totale è di 1,5 milioni più 200mila di essi…

Toni pretende che paghino i suoi vecchi commercialisti, che non gli hanno spiegato la tassa sulla religione in vigore in .
I commercialisti dicono che a sbagliare è stato il .
Il giudice ha proposto un compromesso: 700mila euro li avrebbe dovuti mettere Toni, 500mila i suoi commercialisti e altri 500mila il bavarese.

L’accordo non si è trovato, quindi a giugno sarà a . Sacrosanto?
Per Tony sarebbe stato meglio la libertà di scegliere l’8 per mille…