ULTIM'ORA

Toccato il fondo: Napoli vergognoso, ADL si dimetta!

delaurentiis_201811221217_400x265

di Paolo Jr Paoletti – Non c’è più neanche da inveire contro: questo fa schifo!
Gattuso arrossisca: O,6 di media punti, 9 gol subiti: ma cosa è venuto a fare?
La Fiorentina di Iachini, invece, in 18 giorni ha ribaltato la situazione; battuto 2-0 il al San Paolo.
Tre punti con un gol per tempo: vantaggio al 26′ con un di punta di Chiesa mentre Di Lorenzo fa la statuina; raddoppio al 74′ con un sinistro a giro di Vlahovic mentre Luperto si guarda in giro!
Per il solo un palo esterno di Insigne al 51′.
Terza sconfitta di fila in campionato e una domanda.: perchè cacciare Ancelotti se il è ancora peggiorato?
Con la pressione a centrocampo e la gamba di 4-5 Viola (in rosso al San Paolo), la Fiorentina ha cancellato gli azzurri.
Gattuso ci mette del suo sbagliando schieramento con Hysaj a destra, Di Lorenzo al centro, Luperto a sinistra… intera difesa fuori ruolo!!!
Basta, l’atmosfera surreale allo stadio di sottolinea tutti gli errori di De Laurentis, ancora fischiato dal blico.
Gattuso dice che è stata una prestazione imbarazzante? Le scuse al tifo e alla città servono a poco.
!!!
Ma stiamo ancora a dover analizzare cosa non funziona?
Non funziona niente.
Il ha toccato il fondo: De Laurentis lasciasse la presidenza, forse i giocatori saranno contenti e torneranno a giocare!

VOTI DECISIVI
Milik 4. Tanto movimento e detta sempre il passaggio ai compagni, ma raramente il pallone gli arriva giocabile. Si inventa un’occasione con un’acrobazia, ma si scontra sui riflessi di Dragowski. Ci prova, ma è poco supportato.
Allan 5. Dei tre centrocampisti è il più avanzato, ma anche il meno a suo agio al ite dell’area avversaria. Pasticcia spesso nel momento decisivo e quando Gattuso lo cambia per dare più qualità e geometria al gioco, se ne esce stizzito e va dritto negli spogliatoi.
Insigne 5. Primo tempo assente, prova ad alzare il ritmo nella ripresa ma va troppo spesso a rintanarsi nella sua zona di comfort aiutando la difesa della Fiorentina. Un palo esterno gli nega la gioia del gol.

Chiesa 7. E’ la freccia nell’arco di Iachini da scoccare in campo aperto. Trova il gol chiudendo un’ottima azione corale, poi spreca il raddoppio a conclusione di una triangone da applausi.
Cutrone 6,5. Moto perpetuo in profondità e in pressione. Non mette il “veleno” con cui Gattuso, oggi avversario, lo esaltava in rossonero, ma è una spina costante per i centrali azzurri.
Castrovilli 7,5. Qualità e quantità nelle due fasi. Decisivo in fase offensiva nelle azioni più importanti della Fiorentina; sempre presente anche in sup difensivo ai compagni. Si lascia andare anche a qualche giocata di fino, che gli riesce spesso e volentieri.

TABELLINO. -FIORENTINA 0-2
(4-3-3): Ospina 6; Hysaj 4, Manolas 5, Di Lorenzo 4,5, Luperto 4; Allan 5 (11′ st Demme 5,5), Ruiz 5, Zielinski 5,5 (18′ st Lozano 5); 5 (30′ st Llorente 5,5), Milik 4, Insigne 5.
A disposizione: Meret, Karnezis, Tonelli, Elmas, Lobotka, Younes.
Allenatore: Gattuso 5.

Fiorentina (3-5-2): Dragowski 6; Milenkovic 6,5, Pezzella 6, Caceres 6,5; Lirola 6,5, Benassi 6,5, Pulgar 6, Castrovilli 7,5, Dalbert 6 (42′ st Ceccherini sv); Chiesa 7 (33′ st Sottil sv), Cutrone 6,5 (21′ st Vlahovic 7).
A disposizione: Terracciano, Brancolini, Venuti, , Terzic, Zurkowski, Ghezzal, Badelj, Eysseric.
Allenatore: Iachini 7.

: Pasqua
Marcatori: 25′ Chiesa, 29′ st Vlahovic
Ammoniti: Hysaj, Demme (N); Dalbert (F)

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply