ULTIM'ORA

Tata Martino, solitudine da trionfo: la notte della Copa!

gerardo-martino-argentina-training-01072015_l2bg0eqxn1n81cshxqsqba0f3

di Oscar Piovesan - Cile e , scrivono la storia. Ore 22 italiane, finale di Copa America: più di un mondiale per il Sudamerica.

Una finale attesa e confermata dal campo: padroni di casa, contro i finalisti di Rio arresisi solo ad una stratosferica.
Il Cile di Jorge Sampaoli non ha mai vinto la Copa, solo a pensalo la marea roja sarebbe travolgente.
La , invece, lo ha fatto 14 volte, ma non di recente, e serve un successo per scacciare il passato funesto to a Leo mai vincente in Nazionale.

Sfida speciale proprio per Leo, da sempre il più forte e decisivo con il mai con l’.
sente vicino il riscatto e la rivincita su chi rifiuta il confronto con Armando Maradona, che con la maglia Albiceleste non ha mai deluso.

In campo tanti ‘italiani’ da Vidal a Carlos Tevez, che scherzi del destino appena un mese fa hanno lottato insieme contro il Barça nella finale ed ora avversari pensano alla juve come un ricordo lontano. Carlitos è tornato a casa, al Boca Junior; Vidal è dato per certo al Madrid di . Entrambi stanotte per non tornare a giocare con due finali perse in trenta giorni.

Il Cile è fermo da giorni, l’ si accomoderà davanti la spalancando il weekend alla festa…
Tata Martino è tanto solo quanto favorito: non poteva trovare cliente più scomodo del Cile in una partita secca ed un Paesea trascinare la Roja.
Carta e penna, stanotte si scrive la storia!