ULTIM'ORA

Strootman gioca, niente squalifica: ora gli arbitri!

C_29_articolo_1130408_upiImgPrincipaleOriz

di na Collina - La ritrova Kevin Strootman. La Corte sportiva d’appello della Federcalcio ha accolto il ricorso della società giallssa, e così è stata cancellata la squalifica di 2 turni arrivata per la simulazione tanto discussa nel . Con il giocatore trattenuto da Cataldi che cade a terra. Un’arma in più per il tecnico giallsso Luciano Spalletti che lo avrà a disposizione per le sfide scudetto contro e ntus.

MOTIVAZIONI. Ecco la sentenza della Corte sportiva d’Appello: “Esaminati gli atti, la Corte intende precisare che, in linea di principio, in tutti i casi di condotta simulatoria l’arbitro vede il fatto ma non percepisce, invece, la simulazione. Pertanto, in linea astratta, il mezzo della prova televisiva è sempre ammissibile laddove l’arbitro aia visto un determinato fatto ma non aia percepito la simulazione”.
“Tuttavia, la norma federale in questione pretende che la simulazione aia il carattere dell’evidenza, nel senso che la condotta simulatoria del calciatore non sia stata, in alcun modo, determinata dal comportamento di un avversario. Nel caso che ci occupa, non può, invece, escludersi che sulla caduta a terra del calciatore Strootman aia inciso la condotta del calciatore Cataldi consistita nella trattenuta della maglia del primo, comportamento, quest’ultimo, valutato dal come ‘uno dei presupposti comunque incidenti che hanno portato l’arbitro ad adote il provvedimento di espulsione del Cataldi’”.
“Peraltro – scrivono ancora i giudici nella sentenza che accoglie il ricorso dei giallssi – come correttamente evidenziato dalla Società ricorrente, questa Corte non può entrare nel merito della sussistenza del rap tra causa ed effetto in un determinato episodio simulatorio”.

BALDISSONI DAY. Accolta dunque la tesi della con il direttore generale Mauro Baldissoni che al termine dell’udienza aveva detto: “C’è il rischio di falsare di . Riteniamo che non ci fosse proprio accesso alla prova televisiva per un caso del genere”.
Baldissoni ha anche risposto al collega della ntus Beppe Marotta: “Ha detto che ho parlato da so in merito a questo caso? Ha detto cose giuste perchè sicuramente io sono un so. Ha anche detto che il nostro amministratore delegato Gandini è serio, preparato e competente, e lo è assolutamente. Mi ha anche suggerito di confronmi con lui, ma in realtà lo faccio tutti i giorni visto che lavoriamo insieme e pensavamo che questo Marotta lo sapesse. Detto questo è evidente che se parla Baldissoni o Gandini non c’è differenza perchè è la a parlare”