ULTIM'ORA

Spalletti-Pallotta, 24 ore di tregua!

url-15

di Romana Collina - Luciano Spalletti presenta la partita dell’anno: Roma-Lione. Dopo il 4-2 dell’andata, un impresa, se non un miracolo ribale e centrare i quarti di Europa League all’Olimpico.

Spiega: “Gli esami di Peres sono negativi e oggi vediamo come si sviluppa l’allenamento per vedere come risponde. Perotti ha avuto un risentimento al flessore prima di Palermo però poi si è allenato e ieri ha fatto quello che doveva fare quindi se c’è la conferma anche oggi è come se fosse disponibile. Emerson ha il problema al tendine del quadricipite della coscia sinistra e non al tendine rotuleo come è stato detto”.

Con un 4-2 da ribale come si affronta il ?
“Value cosa è successo all’andata. Si può anche prendere in considerazione quello che non aiamo saputo scegliere nell’andata. Si può fare diversamente visto il primo tempo. Noi ne aiamo assolutamente voglia con doppio o. Non vagheremo per il campo”.

Come sta la Roma dopo Palermo?
“Io la trovo sempre aastanza bene quando ci parlo, io gli riconosco questa maturazione. Loro sono pronti in esame o a fare analisi approfondite e corrette per poi comporsi di conseguenza. Non ho mai visto dui nella mia squadra. Domani sera ci sarà bisogno di non fare errori di valutazione. C’è questo risultato aastanza importante che ci penalizza, ma bisogna vederlo con occhi giusti. Anche se avessimo perso 1-0, avremmo dovuto fare 2 . Di conseguenza è quella la strada. Visto quello che è successo e andando ad analizzare, la cosa è lì a portata di mano.

Cosa dirà a ?
“Prima di lo saluterò in maniera molto cordiale. Io non ho niente di particolare da dirgli, ascolterò quello che mi dirà lui. Non mi sembra ci siano i presupposti per far venire fuori un caso. Corretto che un presidente possa dire le sue cose a un allenatore, poi io devo pore a casa i risultati sperando siano soddisfacenti per lui. Io non ho da dire nulla, ho solo da ascole”.

Lione e Roma segnano di più in Europa. La qualificazione dipenderà dagli errori difensivi? Tornare alla difesa a 4?
Sarà una partita delicata sotto l’aspetto delle posizioni e delle attenzioni. Una delle priorità della nostra difesa sarà se attenti alle loro verticalizzazioni. Bisogna cercare subito di far e poi non perdere mai di ordine e di avere questo equio sul tentativo degli avversari di ripartenza improvvisa. Questo lo doiamo assolutamente fare. Difese deboli? Credo sia più una qualità dell’ delle 2 squadre. Sia noi che loro aiamo giocatori forti nel reparto offensivo, quindi dipende da questo. La squadra può giocare come ha giocato ultimamente, ma si può anche cambiare e giocare anche a 4. Quello che è fondamentale è l’equio della squadra. Quando si è preso a Lione, è segno che non c’è equio nella disposizione tattica. Poi si può giocare in tutte le maniere. Noi doiamo uscire senza rimpianti, doiamo andare a fare questa partita senza nessun timore di . Il risultato dell’andata è avvenuto ma non significa assolutamente niente. Io sono estremamente convinto che loro domani sera mi verranno a fare la partita diventando delle stelle nella serata, non andando lì ad aver timore che si prenda . Prendere ci può se, ma la qualificazione è aperta anche prendendo . Sono convintissimo che noi dentro la partita domani sera riusciremo a ragionare, a respirare e fare quello che c’è bisogno di fare in questi 90′.

Emerson giocherà?
Se può essere utile anche a partita in corsa, lo portiamo. Se non può giocare domani si va in 18, quindi uno deve rese fuori. Se sta male non si porta un giocatore che ha problemi lasciando fuori qualcuno sano. Si fanno valutazioni approfondite e poi si traggono le conclusioni che vanno fatte oggi dopo l’allenamento.

In 42 partite 17 volte avete fatto un 2-0 che vi qualificheree. C’è il 50% di possibilità di passare il turno?
Io di queste percentuali ne ho già parlato con i ragazzi. In base al valore dei miei giocatori, sento di avere il 60% di possibilità di passare.