ULTIM'ORA

Kondogbia solo 28′, Inter solo 1-1. Disastro Roma…

kondogbia.inter.bologna.azione.2016.2017.750x450

di Antonella La mole e Nina Madonna – -Bologna 1-1. Destro al 14′, Perisic al 37′ con uno splendido diagonale al volo.
e Ranocchia divorano il 2-1 negli ultimi 3 minuti e resta il rammarico ista: occasioni sprecate, vano debutto di Gabigol dal 74′.
Anche il Bologna nel finale ha avuto 2 occasioni e allontana l’ a 4 punti la Juve.

Kondogbia insufficiente, resta un enigma dal mercato 2015. De Boer lo toglie dopo 28 minuti di confusione, aprendo il caso:”Quando un giocatore non vuole ascoltare…. Ripete sempre gli stessi errori”.
Solo un anno fa, fu pagato oltre 30 milioni di euro per strapparlo al Monaco e alla concorrenza del Milan. Lanciato titolare col Bologna al posto dell’infortunato Joao Mario, il francese ha perso il pallone che ha portato al vantaggio di Destro, poi ha sbagliato una serie di giocate che hanno convinto de Boer a sostituirlo con Gnoukouri.
‘Kondo’ ha lasciato il campo a testa bassa, bocciatura che apre il alla sua stagione.

VOTI.
Ranocchia 6. Per lui non è facile giocare a San Siro. Ma stavolta batte i fantasmi e anche i fischi con una prova difensiva all’altezza. Poi, all’ultimo secondo, va all’attacco e di testa -da solo- non segna il gol-partita. Sarebbe stato il massimo. Forse troppo.
Miangue 6,5. E bravo questo 19enne belga, di chiare prospettive. Difende e attacca, non ha ancora il coraggio di andare fino in fondo. Ma è al suo debutto.
Gnoukouri 6,5. Subito in partita, risolve quei patemi di centrocampo che l’ ha sopportato per mezz’ora.
Banega 5,5. Non granché. Nel senso che tocca la palla piano, senza mai affondare le unghie. Un po’ sulle sue, un po’ troppo.
Perisic 7. E’ l’ista che più di tutti cerca il gol e lo trova con una prodezza balistica superba.
6. Se non segna, fa notizia. Ci prova tre volte, ma senza trovare la porta. Succede.

TABELLINO. -BOLOGNA 1-1
(4-2-3-1): Handanovic 6; Santon 6, Miranda 6,5, Ranocchia 6,5, Miangue 6,5; Kondogbia 5 (28′ Gnoukouri 6,5), Medel 6,5; Candreva 6,5 (29′ st Gabigol 6), Banega 5,5 (21′ st Eder 5,5), Perisic 7; 6. A disp.: Carrizo, D’Ambrosio, Ansaldi, Nagatomo, Gabriel, Guy Yao, Felipe Melo, , Jovetic. All. De Boer 6
Bologna (4-3-3): Da Costa 7; Krafth 6 (40′ st Masina sv), Maietta 6,5, Gastaldello 6 (18′st Oikonomou 6), Torosidis 6,5; Nagy 6 (8′ st Pulgar 6), Taider 6, Dzemaili 6; Verdi 6,5, Destro 6,5, Krejci 6. A disp.: Ravaglia, Sarr, Mounier, Mbaye, Donsah, Helander, Rizzo, , Floccari. All.: Donadoni 6.
Arbitro: Celi
Marcatori: 14′ Destro (B), 37′ Perisic (I)
Ammoniti: Gastaldello, Da Costa, Dzemaili, Pulgar (B)

Alle 12.30 cade Spalletti in casa del Torino: 3-1 e la Roma resta a 10 punti.
Pesante il 3-1 per i granata, che sbloccano con un colpo di testa di Belotti (8′) e raddoppiano al 52′ con un rigore di Iago Falque, per fallo di Bruno Peres ancora su Belotti.
, entrato al posto di De , accorcia dal dischetto al 55′ segnando il suo 250° gol rete in .
Ma il Toro fa tris firmato ancora con Iago Falque (65′), indigesto!

Sconfitta pesante, la Juve è già a +5. “Abbiamo troppi alti e bassi, con le prime difficoltà si abbassa l’entusiasmo e si va in difficoltà. Ci si aspetta che risolva la qualità ma senza testa lo sforzo è maggiore. Ci manca cattiveria, ci sta sprecare delle occasioni, oggi arrivate a inizio gara e potevamo indirizzare il match ma il Torino è stato bravo a sfruttare le sue.
Noi storicamente non riusciamo a mantenere un livello di impegno, di sforzo nella corsa. Alterniamo queste cose e dobbiamo elevarle tramite il lavoro settimanale. L’allenatore è il primo a essere colpevole se non ci si riesce”.

è entrato da tresta e poi si è abbassato ulteriormente: “Gli ho chiesto di uscire dal traffico visto che il Torino si era messo tutto dietro”.

VOTI.
Belotti 8. Devastante. Sblocca di testa, corre ovunque e più di tutti, procura il rigore, fa paura ogni volta che ha la palla.
Merita un posto da titolare in Nazionale, altro che Balotelli.
Hart 7. Ferma Dzeko 3 volte, non sbaglia niente. Per superarlo ci vuole un calcio di rigore di .

Bruno Peres 5. Primo tempo di spinta, in difesa 90′ disastrosi.
Fazio 5. Lentissimo e fuori posizione, anche sfortunato nel 3°gol di Iago.
Perotti 6,5. Uno dei pochi a capirci qualcosa: salta l’uomo, crea, non molla.

TABELLINO. TORINO-ROMA 3-1
Torino (4-3-3): Hart 7; De Silvestri 5,5 (17′ st Zappacosta 6), Rossettini 6,5, Castan 6, Barreca 6,5; Benassi 6,5, Valdifiori 6,5, Obi 6,5 (23′ Baselli 6); Boyè 7, Belotti 8, Iago Falque 7 (32′ st Martinez sv).
A disp.: Padelli, Cucchietti, Bovo, Ljajic, Gustafson, Moretti, Lukic, Aramu. All.: Mihajlovic 7
Roma (4-2-3-1): Szczesny 6; Flo 5,5, Manolas 6, Fazio 5, Bruno Peres 5; De 5 (1′ st 6,5), Strootman 5,5; Salah 5,5, Nainggolan 5 (26′ st El Shaarawy 5,5), Perotti 6,5 (36′ st Paredes sv); Dzeko 5,5.
A disp.: Alisson, Lobont, Juan Jesus, Seck, Emerson, Gerson, Iturbe. All.: Spalletti 5
Arbitro: Tagliavento
Marcatori: 8′ Belotti (T), 7′ st rig. e 20′ st Iago Falque (T), 10′ st rig. (R)
Ammoniti: De , Bruno Peres, Flo, Manolas (R); Hart (T)