ULTIM'ORA

Spalletti da scacco: resto solo con Totti!

spalletti.roma.indica.2016.2017.750x450

di Romana Collina - Nuove parole di fuoco sul futuro in un momento della stagione estremamente delicato.
La Roma è praticamente agli di Europa League, ha vinto 10 delle ultime 11 partite, è seconda in classifica, è in semifinale di eppure il campo scompare rispetto al futuro di , intrecciato con quello di .

Il tecnico non perde occasione per aene il dibattito e nel post gara vinta senza palpiti col ha cambiato strategia: dal “se non vinco non resto” a “se non rinnova mene vado”. Il numero 10, con il quale la scorsa stagione c’è stata guerra, è diventato improvvisamente il paletto per rese. Poco credibile.

Ieri altro assist a Nainan ma l’addio al del simbolo di Roma è l’alibi perfetto per giustificare un eventuale falento.

sa che a Roma conta solo alzare trofei… sei stimato, rispettato, solo se ‘vinci qualcosa, solo così doventi immortale e intoccabile.
E ieri non ha perso occasione per ricordarlo: “Dopo tre secondi posti, appena sono arrivato quinto sono dovuto andar via. Cosa c’entra con il mio contratto? Quelli importanti sono quelli dei calciatori”.

Dichiarare blicamente che i contratti dei giocatori, con quello di in testa, hanno la priorità, vuol dire scappatoia.
Che potrebbe porlo lontano da Roma, magari a , alla !