ULTIM'ORA

Spa, vince Vettel e torna a -17!

F1:omaggio Ferrari,Rossa corre con stemma ponte Genova

ha vinto il Gp del Belgio, 13/a gara del mondiale di Formula 1, conquistando la quinta stagionale. Il pilota della Ferrari ha preceduto il rivale per il titolo, Lewis Hamilton (), che era partito dalla pole position, e l’olandese Max Verstappen (Red Bull), terzo. Vettel rosicchia sette punti in classifica ad Hamilton, portandosi a quota 214, contro i 231 del britannico. Ai piedi del podio si è fermato Valtteri Bottas, autore con la sua di un gran recupero dopo essere partito dal fondo dello schieramento per cambio di motore. Il quarto posto del finlandese e il ritiro di quello della Ferrari avvantaggiano invece la nella classifica costruttori. Quinto al traguardo il cano Sergio Perez, davanti al compagno di squadra della Force Esteban Ocon. Gran debutto per il team nato solo giovedì scorso sulle ceneri della vecchia scuderia. Doppietta Haas-Ferrari per la settima e ottava posizione, con in Grosjean e Kevin Magnussen. Nono posto per Pierre Gasly (T Rosso) e decimo per Marcus Ericsson (Sauber)

Vettel: “Il cambio di motore è stato importantissimo qui, e lo sarà anche a Monza e nelle pme gare. È importante fare dei passi avanti perché eravamo vicinissimi alla nel primo stint. Poi aiamo gestito bene la gara, visto che Lewis non ha attaccato. Una bella per noi e per la squadra: speriamo di proseguire così a Monza. È la miglior Ferrari che guido da quando sono qui, ma non è facile rimanere sempre avanti: non penso che aiamo un vantaggio così grande rispetto alle altre. La gente può pensarlo, ma per me non è la . Siamo quasi uguali, anche per settimana pma doiamo combattere per essere sempre lì”

e la Ferrari si sono riprese quello che era l. Dopo due gare in cui per diversi motivi avevano dovuto cedere il passo a Lewis Hamilton e la , la Rossa con la nuova power unit è tornata a dete il passo per tutto il weekend, mostrandosi superiore rispetto alle avversarie. Una superiorità che è venuta meno solo nel Q3 delle qualifiche del sabato in cui Hamilton è stato più bravo a sfrute la pioggia passeggera sul circuito di Spa prendendosi la pole position. Vettel, però, è stato altrettanto abile ad attaccare subito e a prendersi la posizione alla fine del primo rettilineo, sfruttando il motore aggiornato per “sverniciare” Hamilton (che dopo la gara si è soffermato a lungo a osservare da vicino la Rossa…) e a tenere a bada le sorprendenti Force , protagoniste a sorpresa di questo weekend. Alla fine Vettel e la scuderia hanno gestito al meglio l’unica sosta della gara impedendo l’undercut da parte di Hamilton, che dopo aver visto di non poter tenere il passo del rivale si è accontentato del secondo posto, vedendo scendere da 24 a 17 punti il suo vantaggio in classifica piloti. È però aumentato quello della sulla Ferrari in classifica costruttori, complice il 4° posto raccolto da Valtteri Bottas (partito 17° dopo il cambio del 4° motore stagionale) e il ritiro di Kimi Raikkonen, davvero sfortunato nel suo weekend. Il finlandese aveva dimostrato di essere velocissimo sulla “sua” pista (quattro vittorie in Belgio in carriera), registrando anche il record della pista nel Q2 delle qualifiche, ma prima la pioggia e poi una foratura alla prima curva provocata da Daniel Ricciardo hanno provocato il suo ritiro dopo pochi giri. Stesso destino anche per il pilota australiano, ormai separato in casa alla Red Bull, mentre il suo compagno Max Verstappen ha conquistato un ottimo terzo posto davanti al suo pulico in visibilio. Quinto e sesto posto per le Force di Perez e Ocon a degna conclusione di un weekend pazzesco, da segnalare lo spaventoso incidente in partenza provocato dalla frenata sbagliata di Hulkenberg che ha provocato il “decollo” della monoposto di Alonso, andata a colpire quella di Charles Leclerc – fortunatamente salvato dalla presenza dell’halo della sua Sauber. Ora il circus si sposta a Monza, dove e la Ferrari proveranno a sfrute il calore della “Marea Rossa” per ridurre ulteriormente il gap rispetto a Hamilton e la .