ULTIM'ORA

Siria, Papa Francesco: “servono gesti di pace”. Kerry: Hassed come Hitler!

John Kerry

“Ho deciso di indire per tutta la Chiesa il 7 settembre pmo, vigilia della ricorrenza della Natività di Maria regina della pace, una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria e nel Medio Oriente e nel mondo o”, sulla crisi Siriana, all’Angelus scende in campo anche  Papa Francesco.

“Unitevi come ritenete, fratelli cristiani non cattolici e di altre religioni. Il 7 settembre in Piazza San Pietro – ha proseguito il Papa –  dalle ore 19 alle ore 24, ci riuniremo in preghiera in spirito di penitenza per invocare da Dio questo grande dono per la amata nazione siriana. L’umanità – ha aggiunto il Papa – ha bisogno di gesti di pace”.

LE ATTESE UE.

La Francia non agirà da sola in Siria, ma attenderà una decisione degli Usa, dopo il dibattito al Congresso. Lo ha detto il ministro dell’no Manuel Valls a radio Europe 1. “Abbiamo bisogno di una coalizione”, ha aggiunto. Il Jean-Marc Ayrault ha in programma domani un incontro con principali esponenti parlamentari e dell’opposizione per discutere. Il voterà la risoluzione sull’uso della forza in Siria non più tardi della settimana del 9 settembre. Lo ha detto il capo della maggioranza Harry Reid. Reid ha detto che la pma settimana il fara’ pubbliche audizioni e avrà briefing top secret con i vertici dell’amministrazione. “Credo che l’uso della forza sia giustificato e necessario”, ha setto Reid, secondo il quale il regime siriano ha commesso “atrocità” contro civili con un attacco a base di armi chimiche.

La determinazione della Siria a rispondere ad un attacco americano “ha sventato l’aggressione”. Lo ha detto il vice Qadri Jamil. “Rimaniamo con il dito sul grilletto”, ha aggiunto Jamil, sottolineando che la Siria continua ad avere “grande fiducia nei suoi alleati” e che la risposta ad un attacco potrebbe colpire ovunque.

Che l’annuncio di ieri del presidente americano Barack Obama ”sia solo un rinvio o un dietrofront”, l’atteggiamento dell’amministrazione Usa su un possibile attacco in Siria ”e’ diventato ormai oggetto di sarcasmo da parte di tutti”. Lo ha affermato il vice siriano Qadri Jamil.

La decisione del presidente Usa Barack Obama di chiedere l’autorizzazione del Congresso per attaccare la Siria è l’inizio della “ritirata” americana: lo afferma il quotidiano statale siriano Al-Thawra in un editoriale in prima pagina. “Obama ha annunciato ieri, direttamente o implicitamente, l’inizio della storica ritirata americana”, scrive.

”Israele e’ sereno, sicuro di sè”: lo ha affermato il Benyamin Netanyahu, aprendo la consueta seduta del consiglio dei ministri. ”I nostri cittadini sanno bene che siamo pronti ad affrontare ogni evenienza. I nostri cittadini devono anche sapere che i nostri nemici hanno ragioni molto fondate per non mettere a prova la nostra potenza”. Netanyahu si e’ infine congratulato per il lancio odierno del nuovo satellite israeliano, Amos-4.

Intanto il giornale scozzese Sunday Mail rivela che Londra permise la vendita alla Siria di agenti chimici utilizzati per la composizione di gas nervino, attraverso la con di licenze autorizzata da un ministro del , 10 mesi dopo l’inizio delle rivolte nel Paese. La stessa testata giornalistica afferma che parlamentari furiosi sono determinati a chiedere spiegazioni al .

Kerry, Assad come Hitler e Saddam Hussein . Il segretario di Stato John Kerry ha paragonato il presidente siriano Bashar al Assad a Hitler e Saddam Hussein in viste oggi alla Fox e alla Nbc.

Kerry ha affermato che la Casa Bianca ha fiducia che il Congresso voterà sì all’Uso della forza in Siria. I parlamentari faranno ”cio’ che e’ giusto”, ha detto alla Cnn, aggiungendo che ci sono in ballo ”enormi sessi”, la sicurezza e la credibilità Usa.

Il ‘sì’ del Congresso all’uso della forza contro Assad manderà un importante messaggio anche a Iran e alla Corea del Nord, ha detto il segretario di Stato.

I di sangue e capelli risultati positivi al sarin sono arrivati in possesso degli Stati Uniti nelle ultime 24 ore. “E’ un’importantissima novità”, ha detto Kerry.

raccolti dai primi soccorritori il 21 agosto sono risultati positivi al test del sarin, ha spiegato John Kerry. Si tratta di di sangue e capelli, “nuove prove che suggeriscono il ruolo di Damasco nel raid”, ha detto Kerry aggiungendo che “sono prove che continuano ad arrivare”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply