ULTIM'ORA

Silvio crolla davanti la tv: è il conto Milan!

97EE8B98-2F84-40BF-B640-04D8B0F36AF0_mw800_mh600_s

di Nina Madonna – Sos Milan, è allarme rosso. La mattina dopo l’umiliazione di Madrid, il risveglio è da terrore. ha uno score peggiore di Allegri: 4 vittorie, 1 pareggi, 6 sconfitte in 11 partite. Ne mancano altrettante alla fine del campionato, il Milna può scivolare nella lotta per la . Che non è il test anche per le scelte della pma stagione.

Fin qui quelle fatte hanno portato il Milan fuori dalla Champions e lontana dalla zona Europa.
Berlus ha licenziato Allegri e preteso l’olandese, sempre difeso. Anche Silvio è terrorizzato dalla figuraccia europa. E è fuggito dal Vincente Calderon a capo chino e la bava alla bocca, senza scendere negli spogliatoi. Cosa si sarà detto con Berlus al telefono?

Il Presidente ha seguito la partita in tv, distrutto dal risultato e dall’atteggiamento rossonero. Monta il malumore di Berlus, agitatosi già dopo la sconfitta di

è protetto da un contratto fino a giugno 2016 firmato a ma la sfiducia abbraccia tutti e la delusione di Clarence a fine gara è pericolosa.
Il Milan è fuori da tutto e tutto è successo con in panchina: eliminazione in , in Champions, 10° posto in classifica a pari punti (35) col Genoa!

Ecco che l’ombra Inzaghi torna ad oscurare. Domenica a San Siro arriva il Parma di Donadoni, altra opzione per la panchina e rossonero doc nella storia del Milan.

E’ giusto che chi ha sbagliato paghi, ma è quello che ha sbagliato meno.
Paghi che ha scelto un esordiente in panchina, chi ha portato in rossonero una sfilza di brocchi, chi ha bluffato sui programmi che senza soldi sono una ai , chi pensa che il blasone sia un antidoto a tutti i mali: insomma paghino Berlus e .

Se il Milan a Madrid ha giocato anche per l’Italia, non è questa l’Italia che vogliamo. I facciano piazza pulita!