ULTIM'ORA

Si ricomincia? Chi se ne frega…!

5ee394f6ee407405311159

di Paolo Paoletti - Si ricomincia. Difficile dire dove eravamo rimasti: le squadre non sono più in tiro, devono riacquistare condizione fisica e sensibilità al pallone, misure e carica agonistica. Insomma la voglia. Tra Juve e Milan come in Napoli-, vincerà la voglia. A prescindere dai risultati, il calcio ha già perso: senza blico, senza aracci, con la pura di ammalarsi e di fermarsi definitivamente.
Si ricomincia per : i circa 300 milioni delle pay-tv, una finta regolarità dei campionati, la scelta delle squadre che parteciperanno alle coppa Europee.
In gioco però c’è la salute di tanti, troppi: giocatori, dirigenti, arbitri, addetti…
Chi risponderà di eventuali contagi?
Di ciò che accade all’estero non può fregar di meno. Peraltro sono pretestuosi accostamenti e paragoni. Se la vita a e tanto diversa da Roma o Napoli, figurarsi accostare serie A e Liga, Premier Bunde. E’ una questione di stili di vita, di contesti, di anticorpi agli habitat in cui si vive.
Covid-19 ha sdoganato una verità assoluta: il mondo non era e non è preparato alla globalizzazione.
Invero i quattro fondamentali di ogni collettività: salute, , lav, socialità, sono stati azzerati da un virus sconosciuto, cui nulla hanno potuto scienza e medi trascorsi ben 20 anni del Terzo Millennio.
Il calcio che riprende forzatamente è la ciliegina sulla torta di una resa incondizionata dei modelli sociali: dall’eccellenza verticale della Lombardia al dirigismo cinese.
L’aspetto tecnico è del tutto irrilevante, scemato, svuotato dalle storie dei 40.000 .
La vita continua, vero. Tho show must go on, ma quale show?
Il calcio, mondo staccato dalla realtà deve cambiare del tutto: basta follie, , brogli.
Si ridiscuta tutto, partendo dai valori e le funzioni dello . Il calcio non lo è più da almeno 40 anni, avendo perso anche la vergogna di ammetterlo.
Basta con l’immenso esse blico cui tutto si sacrificava. Svanito in soli 3 mesi, Juve-Milan scendono in campo senza che nessuno se ne accorga. O quasi.
Oggi in banca un dei due cassieri mi ha chiesto il pronostico di Napoli-, al di qua dello ello tre persone mi hanno preceduto con un forte…”chi se ne frega!”
Questo è il calcio post cnavirus. Facciamo si che ritrovi serietà, responsabilità, senso della misura e dell’opportunità.
Vediamoci la prima post virus e ne riparliamo.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply