ULTIM'ORA

Scatafascio Milan: tutta colpa di Silvio e Galliani!

silvio-berlusconi-galliani-mancini-milan

di Nina Madonna - Il Milan non riesce a vincere e dopo il 3-3 col Frosinone è fuori anche dall’Europa!
Disastro annunciato dalla follia di Berlusconi che ha bruciato 5 allenatori in 2 anni: Allegri, , Inzaghi, Mihajlovic e anche da verificare al ritorno in Primavera!
Il Sassuolo 6° ha scavalcato i rossoneri a 55 punti, mancano 2 partite al termine e l’ultoima del Milan è con la Roma a San Siro, dove la difesa è diventata un colabrodo…
Imbarazzanti tutti sopra Balotelli che ha sbagliato un rigore – sua specialità – e Al che ha mandato in rete gli avversari per il 3-1 come un dilettante.
Colpevole anche Donnarumma che sta pagando lo sconquasso in cui versa la situazione.
Duro confronto negli spogliatoi di San Siro tra Adriano Galliani e la squadra: l’AD si è catapultato nel tunnel subito dopo il fischio finale. Mezz’ora di ‘bunker’ per un pesante faccia a faccia. Escluso l’allontanamento di B, si attendono novità da casa Milan.
Il pubblico ha ancora una volta fischiato sonoramente la prestazione del Milan: tutti sotto accusa, da a Galliani. Salva solo , da mesi aveva detto che l’Europa league poteva essere il massimo obiettivo, ma adesso non c’è più neanche quello!!!

DIFESA IMPROPONIBILE. Cinque subiti in 2 partite, eccezion fatta per Genova dove se l’è cavata soffrendo il Milan non sa più difendere e subisce costantemente, prestando il fianco ripetutamente: è successo contro il Verona dove Donnarumma ha tenuto a galla i rossoneri, è successo col Carpi colpevole anche il portierino.
Donnarumma ha giocato la peggiore gara e senza prodezze emergono tutte le falle del reparto, che accusa il cambio di modulo nonostante le di B.
Il 4-4-2 di Mihajlovic aveva sì sacrificato la spettacolarità del gioco mandando su tutte le furie Berlusconi, ma aveva per lo meno dato quadratura, solidità e certezze in fase di non possesso: perduto, l’idea di gioco propositivo di B ora condanna il Milan ad aprire praterie alle spalle, lasciando spesso i difensori all’uno contro uno e quando questi sbagliano (esempio Al) sono sempre dolori.

DUE RIGORI… REGALI? Il Milan è mancato anche nelle finalizzazioni e la bella figura fatta da Bardi dipende dall’imprecisione degli attaccanti, ai quali per andare in rete sono serviti una papera del portiere, una prodezza di Antonelli e due rigori, il primo fallito da Balotelli e il secondo (regalato) realizzato al 92′ da Menez. Il pareggio serve a poco, il Sassuolo è sesto col rischio di un fallimento su tutta la linea.

TIFOSI CONTRO TUTTI. Niente gioco, niente risultati, il Milan è allo sbando e i tifosi non ne possono più. Era prevista una feroce contestazione a San Siro, sono bastati i cori per far capire l’umore della e del mondo rossonero: silenzio alla lettura delle formazioni e nessun applauso per tutta la partita alla squadra, raggiunta solo da fischi ed epipeti: “Indegni”.
Emblematica anche la reazione ai : nessuna esultanza dalla Curva, ma altre bordate di fischi e insulti alla squadra. Al di là degli attacchi anche a Galliani e Berlusconi, questo è il segnale più forte di oggi: i tifosi del Milan hanno scaricato tutti, la squadra è sola per le ultime due di campionato e sopra la finale di Coppa Italia contro la .
A San Siro esplode la domanda: era davvero Mihajlovic il male del Milan?