ULTIM'ORA

Scandalo, Blatter esulta al 2-1 di Neymar: Caressa è truffa non farsa!

caressa1

di Paolo Paoletti - Caro Caressa, ecco la prova della farsa!
Nishimura, già causò la rivolta in Congo nel 2010. Alla prima occasione schia il rigore inesistente al Brasile. Seduto sotto Dilma Rousseff, che esulta, c’è anche Sepp Blatter…in piedi ad applaudire.
Il presidente della FA, rappresenta tutte le squadre dei Mondiali, non può permettersi tali gesti.

Purtroppo tutto ciò non fa più nemmeno scandalo. Tutti zitti, per carità, prostrati al Dio Pallone.
Sopratutto le televisioni ed in particolare quelle come Sky che pagando fortune le esclusive, non critica nessuno, guriamoci Blatter e la fa.
La tv non attacca presidenti e giocatori perchè non si presentano alle viste, anche quelle inutili a pagamento. Non possono sne anche i si più beceri, perchè il gradimento va di pari passo con l’audience. Non possono quindi raccone la verità.

Ogni si porta dietro i numeri che determinano l’incasso pubbliciio. Ma al tempo stesso il progetto editoriale diventa una pianicazione commerciale che non ha più niente a che vedere con la ricerca della verità! Sintesi di questo mestiere.
E i giornalisti non possono, ma nemmeno vogliono, esercie il diritto-dovere di critica.
La gente però vede, ragiona, si schiera.
E il tutto è un Circo Barnum dove chi può porta a casa: soldi, ‘popolarità’, il piccolo-grande potere degli spazi mediatici.

Banalità sconcertante che capirlo è come bere un bicchiere d’acqua. Che puzza!
La FA negli ultimi 15 anni non è stata trasparente con federazioni e Paesi che hanno ospitato europei e mondiali.
Scandali, accuse, mazzette, favori, veti, essi incrociati, sopratutto personali. Ci sono dentro tutti, nessuno escluso.

A capo di tutto, Sepp Blatter. E nel 2015, si ricandiderà per il quinto mandato nel 2015!

La fa nel Mondiale dei Mondiali deve pore ai quarti: Brasile, , Uruguay, Colombia, Germania, Spagna, Italia e Olanda.
E’ tutto già deciso, il Mondiale comincerà a 3 partite dalla ne. Questo è lo scandalo, questa è la farsa.

A Italia ’90, Montezemolo, con arroganza, suggerì che il sorteggio decidesse che Italia- si giocasse a Napoli.
Gli dissi subito che era stato un errore enorme incrociare Maradona, sopratutto a Napoli. E Diego tuonò che non ci si può ricordare dei “italiani per una notte”. Il giornalismo era ancora vivo, e i campioni non avevano paura della verità.
Andò come andò. Perchè il bello del è che il pallone a volte fa ciò che vuole: Caressa o non Caressa, Sky o non Sky, Blatter o non Blatter.

L’oppio dei popoli in Brasile è usato per zittire la rabbia un un popolo stufo di e imbrogli, di essere sfruttato perchè i soldi spesi per ‘La Copa’ sono loro, dei brasiliani. Dopo averne spesi 15miliardi, possibile che un biglietto di Brasiele-Croazia sia costato più di uno stipendio di un insegnante. Una , ma chi lo ha detto?
Tutti lingua legata e faccia che guarda altrove. Quest’è!

Quando Brasile-Croazia era nita, la tv a circuito chiuso dell’Arena Itaquera ha mandato sui maxischermi l’esultanza di Dilma e Blatter dopo il 2-1 di Neymar dal dischetto. La presidentessa del Brasile appena inquadrata e stata subissata di schi e cori: chi lo ha raccontato?
Silenzio sia in telecronaca diretta, sia dagli studi in Italia.

Ci saranno nuovi episodi del genere, ma nessuno s’indignerà.
Massimo Busacca, capo degli arbitri FA, ha detto: “Nishimura non verrà mandato a casa, impossibile. La decisione sul rigore è stata giusta”.
Niente di personale, ma chi manda a casa i Caressa di tutto il Mondo?

Grazie Osvaldo, per il rigurgito di onestà!