ULTIM'ORA

Sarri non ha più alibi: Pep, scudetto, ottavi Champions!

url-1

di Paolo Paoletti - Sarri è stato accontentato, il Napoli ha il girone Champions più fa tra le ne. Anche più della ntus, perchè di fatto sono capitate 2 squadre di seconda fascia: City e Shaktar.
De Laurentis ha postato: “Bellissime sfide. Avanti così tutti insieme appassionatamente”.
L’obiettivo è gli di finale. Poi vincere la sfida nella sfida tra Sarri e . Visto che tutti dicono che il Napoli giochi il più bello d’Europa.

L’entusiasmo non è pari alla : se Sarri stesso ammette che “la squadra ha problemi”, i soliti, è giusto misurare qualificazione e fase a gironi sui meriti azzurri ma anche sui demeriti del Nizza e degli avversari del gruppo F, in particalari gli ucraini e gli olandese del Feeyenord!

Il di Reina è più di una preoccupazione. La difesa non da certezze anche quest’anno è sorge la domanda se siano gli uomini inadatti agli schemi difensivi di Sarri o Sarri agli uomini a disposizione.

E’ vero che nei preliminari la porta è riomasta inta, altrettanto che un mediocrissimo Verona ha segnato e costruito 4 palle gol nitidissimi negli 10 minuti. Bisogna aspettare come sempre e la sosta rompe il ritmo di preparazione.
Anche questo però non può essere un alibi, chi vuole giocare la Champions, deve avare un organico capace di tutto: vincere, convincere, gestire partite e bioritmi della stagione, infortuni, soprese.

Il Napoli ha una rosa capace di tanto?

Credo di no e la vera sfida sta nella verifica se la scelta di mantenere inalterato l’organico senza innesti di rilievo si rivelerà giusta o sbaglita.
Dopo la prima di ho visto una peggiore dello scorso anno, e la sorpresa potrebbe essere l’Inter.
Per Milan e Roma bisogna attendere. Il Napoli no: tutti conoscono tutto degli azzurri e bisognerà valutare partita dopo partita la veridicità dell’obiettivo scudetto e gli di Champions come dettato da De Laurentis.

Perdere Reina è stato l’errore più grande. Perdere lo scudetto significherebbe la grande fuga dei tanti rimasti proprio per provarci.

Non ci sono più alibi, Ferliano impiegò 18 anni per diventare campione d’. Il 14° di De Laurentis dirà tutta la .
Andiamo a vedere!