ULTIM'ORA

Sarri, Insigne, il riscatto: brutto primi fuori Europa.

sarri-insigne

di Paolo Jr Paoletti - Napoli a caccia di rivincite alla Arena di Lipsia. Sarri frusta la squadra. “All’andata abbiamo fatto una prestazione da cialtroni, ed è colpa di tutti: mia al 70%. Abbiamo sbagliato l’approccio alla gara, ma ora vogliamo prenderci una rivincita e passare il turno. ? Non ha nulla di grave, vedremo se sarà disponibile”.

Torna su giovedi scorso: “Non è stata colpa di chi è sceso in campo, chi gioca meno di solito faceva molto di più. Tutto l’ambiente non era carico, ed è stato un errore. In Germania dobbiamo scendere in campo con grande voglia e la speranza di un episodio a favore che riapra la qualificazione”
Spiega: “Al è stato un fulmine a ciel sereno perché il livello degli allenamenti era stato quello di sempre. Le gare di campionato ultimamente per noi sono pesanti mentalmente e non siamo riusciti a ricaricarci per quella successiva, e numericamente non siamo nemmeno tanti”.

Riflette: “A livello di mentalità questa squadra in campionato sta dimostrando cuore, attaccamento e determinazione. Nelle altre competizioni non riesce a trovare lo stesso livello di determinazione, ed è un salto da fare. Probabilmente dovremo ampliare l’organico, cercare di fare qualcosa in maniera diversa che quest’anno per errori o altre situazioni non siamo riusciti a fare. Ma dobbiamo trovare questa continuità di sensazioni per riuscire ad affrontare tutte le gare nella stessa maniera”.

Realismo… “Percentuale di qualificazione? Palesemente a favore del Lipsia, ma se non raggiungiamo i due obiettivi, cioè riscattare l’andata e fare un buon risultato, inutile pensare al terzo che è la qualificazione”.

Nota: “Quest’anno in campionato abbiamo fatto meglio in trasferta, per la nostra squadra non fa grande differenza giocare in casa o fuori. La differenza è stata nell’anima, nella voglia. Noi dobbiamo pensare a riscattarci, a vincere ed avere follia per pensare che possiamo qualificarci. Questo potrebbe darci gusto, farci divertire, farci trovare delle sensazioni che in Europa abbiamo fatto fatica a trovare”.

Milik non convocato. “Sta tornando, ma non è disponibile col Lipsia. Sono certo che nel finale di stagione ci aiuterà tanto, dandoci ulteriori soluzioni offensive”.

La sorpresa. “Zielinski è un talento assoluto dal punto di vista tecnico, ha grandi doti fisiche, se cresce a livello di personalità può decidere lui dove giocare in , potrebbe farlo in qualsiasi zona del campo. Sarà il nuovo De Bruyne”.

Ringraziamenti… “La nostra società chiede sempre una sala per lo staff, se poi ci fanno anche fumare è meglio. Ringrazio sentitamente”.

Con Sarri c’è anche Insigne che insiste sul riscatto.
“Credo che all’andata siamo scesi in campo un po’ molli. Sappiamo che il Lipsia ha grande talento, abbiamo approcciato male la gara ma assolutamente non abbiamo sottovalutato nessuno. Cercheremo di passare il turno a tutti i costi, per i tifosi e per noi stessi. Tanta gente dice che abbiamo snobbato l’Europa, ma non è vero: abbiamo solo approcciato male qualche partita. A me dispiace perché fa piacere giocare le gare , sarebbe brutto vedere il Napoli primo in classifica ma uscire dalle coppe. Abbiamo voglia di riscattare la sfida del , sappiamo che dobbiamo fare tre e se partiamo forti, con la nostra mentalità, sicuramente potremo metterli in difficoltà, nonostante non sarà fa”, ha concluso.

Ricordiamo tutti queste dichiarazioni. Sopratutto la consapevolezza che uscire dall’Europa primi in varrebbe ridimensionare molto il livello del e quindi dello Scudetto!