ULTIM'ORA

Sarri e ADL vanno in tribunale? Gli 8 mln nodo Chelsea!

download

di Nino Campa - Tra De Lasurentis e Sarri adesso è guerra aperta. Come lo è stata negli e mesi.
La questione potrebbe addirittura finire in Tribunale. De Laurentis pretende gli 8 milioni di clausola rescissoria entro il 31 maggio, il deve già pagare la buonuscita a da 10 milioni e non ha intenzione di andare oltre oltre lo stipendio da 6 mln a Sarri.
Può sembrare paradossale: il ha già il nuovo allenatore, Carlo Ancelotti. Dal canto suo Sarri, ha praticamente trovato l’accordo col per 6 milioni l’anno. A lasciare in bilico, anzi a bloccare letteralmente, il tecnico toscano ci sono i precedenti mi da chiudere: i Blues per liberarsi di Antonio devono versare all’ex ct la buonuscita da oltre 10 milioni (l’ingaggio di un anno che è di circa 11 milioni più una penale che alza l’ammone della somma da versare al tecnico in caso di esonero). Motivo per cui speravano di convincere De Laurentiss a liberare Sarri per una cifra sui 4 milioni. Ma la parola “sconto” non viene evidentemente recepita da Adl che pretende il pagamento di tutti gli 8 milioni entro il 31 maggio. Anche perché ottenere il pagamento della clausola permetterebbe a De Laurentiis di ritrovarsi, di fato, già pagato il primo anno di ingaggio ad Ancelotti. E ora il quotidiano il Mattino non esclude l’ipotesi di uno scontro le visto che la separazione consensuale, al momento, non sembra uno scenario izzabile. Il patron azzurro, insomma, si mette di traverso e non ha alcuna intenzione di favorire l’uscita del suo ex allenatore (convinto, dal canto suo, di poterla spune vissto l’ingaggio di Ancelotti). bloccato con il rischio che nel frattempo il trovi un nuovo tecnico: senza il pagamento della clausola, infatti, Sarri dovrebbe attendere il licenziamento il primo luglio, quando il avrà depositato il contratto di Carletto: troppo di per i Blues? Sarri lo teme. E teme soprat il rischio di rimanere senza squadra. Il che sembrava disposto a pagare la clausola, lo Zenit burgo, sembra aver virato su Sergei Semark dopo aver assistito all’avvimento tra il tecnico italiano e il di Abramovich. Per trovare una soluzione, a Sarri e al restano tre giorni di tempo.