ULTIM'ORA

    Warning: simplexml_load_file() [function.simplexml-load-file]: https://sport.sky.it/rss/sport.xml:563: parser error : Extra content at the end of the document in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/themes/sport/header.php on line 334

    Warning: simplexml_load_file() [function.simplexml-load-file]: ]]></skyit:article_text></item></item></channel></rss><!DOCTYPE HTML PUBLIC "-// in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/themes/sport/header.php on line 334

    Warning: simplexml_load_file() [function.simplexml-load-file]: ^ in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/themes/sport/header.php on line 334

    Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/themes/sport/header.php on line 336

Sarri, bicchiere mezzo vuoto: 3° ma altri 3 gol subiti!

C_29_articolo_1131733_upiImgPrincipaleOriz

di Paolo Paoletti – Napoli-Torino 5-3. Mertens piglia, fenomeno del gol. Ne fa quattro, uno su rigore, il quarto ricorda Maradona contro la .
Una meraviglia che fa strabuzzare gli occhi di tutti i presenti al San Paolo, Sarri per primo. A 10 reti, eguaglia Higuain tra i cannonieri del campionato. Il 5-3 – di Chiriches l’altra rete – è segno di salute, ma anche di problemi irrisolti in difesa dove la mente viaggia nell’iperuranio del calcio. Impossibile incassare 3 gol in iuna partita conclusa dopo 9 minuti…

SARRI ammette: “Aiamo preso gol su tre stupidaggini, leggerezze. È una questione di mentalità e da questo punto di vista aiamo ancora ampi margini di crescita. Quando stacchiamo un po’ la spina, incappiamo subito in qualche errore. Per non commettere errori bisogna abituarsi a non farli, appena stacchiamo la spina cadiamo in queste disattenzioni. Doiamo assumere una mentalità più cattiva”.

“Sui rigori non volevo fare alcuna polemica: era solo un dato di fatto, citavo i numeri”.

“Il problema con Dries è tenerlo in corda, può fare la differenza in tutte le partite perché è un fuoriclasse. Con lui aiamo un po’ cambiato il nostro gioco, magari quando ci aassiamo in certe partite una punta di ruolo più sica ci potree aiutare. Con Martens bisogna andare sempre a mille all’ora, non ci cambia la vita ma qualcosina cambia.
Pavoletti? Ripeto, non mi essa, faccio un altro mestiere. Nel calcio la cosa più noiosa è il . Raramente sono entrato nello spogliatoio incazzato come oggi. Non è possibile fare una gara del genere e concedere tre reti.
Scontri diretti? La l’aiamo incrociata in un periodo in cui faceva fatica, forse avremmo perso anche con un altro avversario.
Con la Juve lo scorso anno aiamo vinto, quest’anno aiamo fatto quattro reti al . In questa stagione aiamo perso a Torino commettendo errori, non aiamo demeritato e forse aiamo fatto qualcosa di più della Juve”.

“Dal punto di vista qualitativo, è stata una prestazione di altissimo livello. Io ora non penso a Madrid, sono preoccupato per : se pensiamo adesso alla Champions commettiamo un grande errore. Doiamo continuare a giocare su questi livelli, migliorando la mentalità e non dando per acquisito alcun risultato, nché la partita non è nita. Del Real Madrid non stiamo nemmeno guardando le partite, è troppo presto: ora doiamo pensare a limare le nostre supercialità”.

“Sono soddisfatto per quanto visto a livello di spettacolarità, mi dispiace che questi tre gol siano arrivati in maniera così leggera nonostante la partita non sia stata quasi mai in pericolo”. È una questione di mentalità e da questo punto di vista aiamo ancora ampi margini di crescita. Quando stacchiamo un po’ la spina, incappiamo subito in qualche errore. Sui rigori non volevo fare alcuna polemica: era solo un dato di fatto, citavo i numeri”.

Napoli terzo, sorpassoto il in attesa di -orentina.
Per il Torino di Mihajlovic terza scontta consecutiva.

VOTI DECISIVI.
Reina 5. Un rinvio “leggero” e una mancata presa costano due gol. Non è da lui distrarsi.
Chiriches 6. Magari c’è da sudare contro Belotti, e soffrire. Ma la gioia del gol del 4-1 è speciale.
6,5. Indispensabile sarto del gioco sarriano, non è una novità vederlo così.
Callejon 7. Non si dedica al gol, bensì a confezionare o provocare palle-gol.
Mertens 9. Meriteree il 10, tanti quanti sono i suoi gol n qui. Il repertorio è completo: al volo, d’astuzia, su rigore e con una nezza da sogno. C’è bisogno di Milik e Pavoletti?

De Silvestri 5. Insigne è un incubo, primo tempo da dimenticare.
Barreca 3. Ingenuo sul rigore del 2-0, Mertens lo stravolge.
Belotti 6,5. Solo contro tutti ci prova, ma soccombe. Eppure segna il 3-1 0-3 dando un minimo di coraggio ai compagni.

TABELLINO. NAPOLI-TORINO 5-3
Napoli (4-3-3): Reina 5; Hysaj 6, Chiriches 6, Albiol 5,5, Ghoulam 6,5; Zielinski 6,5 (28′ st Allan 6), Jorginho 6,5 (25′ st Diawara 6), 8; Callejon 7,5, Mertens 9, Insigne 7 (36′ st Giaccherini). A disp.: Rafael, Sepe, Strinic, Maggio, Tonelli, Maksimovic, Rog, El Kaddoyri, Gaiadini. All. Sarri 7
Torino (4-3-3): Hart 6,5; De Silvestri 5 (11′ st Lukic 6), Rossettini 6, Moretti 5, Barreca 5; Benassi 6, Valdiori 5 (11′ st Iago Falque 6), Baselli 6 (22′ st Maxi Lopez 6); Zappacosta 6, Belotti 6,5, Ljajic 6. A disp.: Padelli, Castan, Ajeti, Obi, Vives, Gustafson, Acquah, Martinez, Boyé. All. Mihajlovic

: Doveri
Marcatori: 13′ Mertens (N), 18′ Mertens (N) rig, 22′ Mertens (N), 13′ st Belotti (T), 25′ st Chiriches (N), 31′ st Rossettini (T), 35′ st Mertens (N), 39′ st Iago Falque (T) rig
Ammoniti: Rossettini, Moretti, Lukic (T)