ULTIM'ORA

Sarri accusa: serve rosa ampia, saremo ricordati…

C_29_articolo_1199110_upiImgPrincipaleOriz

di Paolo Paoletti - L’eliminazione dall’ League in casa Napoli lascia spazio al rammarico… Sarri accusa: “Aiamo fatto una sciocchezza enorme all’andata, trattando l’ultimo minuto della gara di andata come fosse l’ultimo minuto di un supplemene e quel finale lo aiamo pagato. Il Lipsia era alla nostra portata. Prendiamo l’aspetto importante di questa storia, che questa squadra ha un’anima”.

Fuori da , League e Coppa Italia, Sarri non può rimangiarsi quanto rinfacciato a Spalletti: diventa un campionato diverso per il Napoli come lo era a dicembre per l’Inter prima in classifica!
“Ci sono aspetti ampiamente positivi per questo finale di stagione. Ci dispiace del risultato, ma prendiamo gli aspetti positivi. Ci resta un obiettivo ed in Italia negli 6 anni non ce l’aveva più nessuno, questo è stato raggiunto col lavoro. Ci potremo allenare, ora la pressione non la sentiamo, siamo il quinto monte stipendi d’Italia e siamo più vicino a club che sono 15esimi che alle prime tre. Qualcosa ci deve essere riconosciuto del lavoro fatto. A questa squadra si chiede tanto, di essere competitiva su più fronti ma siamo in 15 più i portieri. Questi sono fatti. La pressione deve essere logica, non irrazionale, poi se riusciamo a far felici il popolo napoletano saree la soddisne più grande per un tecnico o giocatore”.

Dai 18 dell’andata ai 15 + portieri, Sarri non le manda a dire e dovree arrossire, invece di scrivere sull’eliminazione a testa alta…
Questo Napoli così com’è non è attrezzato per lote su tre fronti.
Sarri ammette: “L’ampliamento della rosa è indispensabile per le tre competizioni, ma serve anche un miglioramento della mentalità per caricare subito le partite seguenti per farlo per mesi. Solo le grandi riescono a farlo”.

Allora nonostante tutto, il Napoli non è una grande squadra. E Sarri si confronta con l’Olanda degli anni ’70 il grande esempio da seguire che però già Vinicio fece incarnare al suo Napoli povero e bellissimo, capace di eliminare l’Anderlect in .
“Ci sono squadre che segnano un periodo, negli anni ’70 si ricorda l’Olanda, non chi ha vinto. Noi proviamo a fare questo, ma anche a metterci qualcosa in più come vittorie. Sono convinto che tra 20 anni questo Napoli sarà ricordato”.

Caro Sarri, ti sbagli. Del Napoli di oggi nessuno ricorda il bel gioco, pure di altissimo livello. Ma anche chi non ha mai visto quel Napoli, tutti ricordano i 2 scudetti, la Coppa Uefa, La Coppa Italia, la Supercoppa!

Sei sei bravo vinci. Stop.
Quindi caro Maurizio, ora vinci lo !