ULTIM'ORA

Sarri accusa: Dries fenomeno, 8 rigori meno della Roma!

url-4

di Nino Campa – Contro la si gioca le ultime speranze di 2° posto: “Abbiamo l’obbligo di crederci – dice Sarri – e portare a casa i tre punti. Non sarà fa perché la Samp è organizzatissima e allenata da un tecnico che stimo molto”.

Molto dipenderà dalla : “Hanno avuto 8 rigori in più di noi, è una statistica che fa riflettere soprat sul nostro numero”. Brutta questa storia dei rigori, sopra perchè tirata fuori alla ne. E sa tanto di giusticazione…
L’oscar della stagione: “Al gruppo che non ha mai traballato”.

Battere la potrebbe non bastare al Napoli per evitare i playoff di League, molto dipenderà dal risultato della in casa contro il Genoa nel Totti-day: “Non abbiamo molte possibilità di arrivare secondi – ammette Sarri – ma dobbiamo fare il massimo per crederci. Contro la non sarà fa, ma dovremo avere la giusta mentalità e giocare come sappiamo, poi vedremo cosa succederà a ”.

non mancheranno a Dries Mertens, in lotta per il titolo di : “Se faremo una grande partita avrà l’opportunità di segnare molto. E’ un giocatore fenomenale, ci siamo accorti con qualche anno di ritardo delle sue qualità da centravanti. Abbiamo sbagliato tutti con lui, me compreso, lo ritenevamo un fenomeno a partita in corso”.

Un’annata importante con tanti in crescita per il Napoli…
“Lo scudetto resta un sogno e dev’essere una grande motivazione. Ragazzi come Diawara, Zielinski e Rog stanno crescendo in maniera esponenziale, poi non abbiamo mai avuto Milik. E’ un gruppo forte che si è messo in discussione e non ha mai traballato dopo una scontta”.

La differenza con la è minima: “Abbiamo avuto infortuni importanti, ma l anche avuto 8 rigori in più di noi. E’ dif dire se sia stato giusto o meno, ma abbiamo lo stesso modo di giocare il pallone in area avversaria e a far riflettere sono le statistiche. Il nostro dato sui rigori è meno comprensibile”.

A qualche centinaio di chilometri di distanza da Napoli, Francesco Totti darà l’addio alla : “Si parla di un talento tra i più puri d’. Mai visto uno che spalle alla porta ti mette in porta il compagno, è un suo marchio di fabbrica, ha fatto anche l’attaccante in una parte della sua carriera. Un fuoriclasse assoluto, non c’è altro che alzarsi in piedi e applaudire”.