ULTIM'ORA

Saldi, corsa all’affare: 7 su 10 compreranno, ma Roma non decolla.

Saldi: al via anche a Torino,spesa media a famiglia 200 euro

di na Collina - Quasi 7 ni su 10 faranno in occasione dei saldi estivi, da oggi in tutt’. Lo stima la Confesercenti secondo la quale ”saranno il 65% – circa 28,6 milioni – gli ni che approtteranno dei saldi estivi, con una spesa complessiva prevista intorno ai 4 miliardi”. Se queste previsioni fossero confermate, ”sarebbe nalmente un’inversione di tendenza dopo anni e anni di diminuzione dei fatturati”. Aiuterà il bonus scale: il 46% lo impiegherà per rinnovare il guardaroba”.

Il 76% praticherà sconti intorno al 40%
La smo, l’associazione di categoria Confesercenti che riunisce gli esercenti della moda, ha condotto in collaborazione di SWG, un sondaggio sulle intenzioni di acquisto dei consumatori in vista dei saldi estivi. ”Dai dati emerge che gli ni hanno ben chiara l’occasione costituita dalle vendite di ne stagione – afferma il presidente della smo Roberto Manzoni – Soprattutto quest’anno, visto che la crisi ha pesato molto sulla spesa per abbigliamento delle famiglie del nostro Paese: il 36% delle persone che abbiamo vistato ha dichiarato di non aver più rinnovato il proprio guardaroba estivo n dagli ultimi saldi, mentre il 30% ha ammesso di aver rinunciato da ancora maggior tempo. Oltre ad un’alta partecipazione, abbiamo registrato anche la forte volontà da parte dei clienti di usare i saldi per ottenere prodotti di pregio ad un prezzo conveniente: il 47% punterà all’acquisto di vestiti ed accessori di alta qualità, mentre il 17% girerà per negozi alla ricerca di prodotti rmati. Quest’anno potranno fare ottimi affari: il 76% dei negozi ni praticherà sconti iniziali compresi tra il 30 ed il 40%”.

Codacons, partenza senza entusiasmo
I saldi estivi 2014, partiti oggi in tutta , non fanno registrare una decisa ripresa delle vendite. Lo afferma il Codacons, che sta monitorando l’andamento degli sconti di ne stagione nelle principali città. “Un avvio dei saldi senza entusiasmo da parte dei cittadini, complice il bel tempo che ha spinto molti al mare e un generale ca di sducia da parte delle famiglie che porta ad una grande attenzione negli – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Nelle prime ore di sconti si registra un buon numero di consumatori nelle strade dello shopping e nei centri commerciali, ma la tendenza al momento sembra essere guardare e non comprare, rimandando al futuro possibili . Occorre tuttavia attendere i pmi giorni per capire le mosse dei cittadini e in quale misura intendano utilizzare il bonus da 80 euro durante i saldi”. Nelle prime ore di sconti, le boutique d’alta moda delle grandi città segnano vendite in linea con quelle dello scorso anno, grazie soprattutto alla massiccia presenza di turisti stranieri. Centri commerciali e outlet delle varie zone d’ vedono un buon afflusso di clientela ma vendite che ancora non decollano. A soffrire di più, però, sono i negozi situati in periferia, che risentono sia di una riduzione delle presenze, sia di un calo più marcato degli . In base alle proiezioni del Codacons, nella prima mattinata di saldi le vendite hanno fatto segnare un generale calo compreso tra il -5% e il -10% rispetto al 2013, a seconda della categoria commerciale e dell’area geograca. Le regioni del sud sono quelle con una maggiore contrazione della spesa, mentre al nord le famiglie appaiono al momento più propense all’acquisto.

A non decollano.
“C’è molta attenzione, esse e curiosità, ma il saldo non ancora decolla, un po’ perché i ni sono andati al mare, un po’ perché tante catene hanno fatto partire i saldi già da 15-20 giorni senza controllo. Saremo in grado di fare un o reale ed un confronto con lo scorso anno agli inizi della pma settimana”. Lo afferma il presidente della Confesercenti di Valter Giammaria pellato sull’andamento dei saldi nella prima giornata a . “Richiederemo di far inserire nel testo unico del commercio regionale la data di inizio dei saldi a metà settimana e non il sabato – annuncia Giammaria – e chiederemo eventi che riaccendano di l’esse sui saldi”.