ULTIM'ORA

In galera: Roussef, processo ai tifosi. D.Costa ha paura!

void(0)

di Pia Del Mar - I che infrangeranno la legge durante i Mondiali saranno giudicati per direttissima da tribunali speciali allestiti dentro e fuori gli stadi e negli aeroporti delle città che ospiteranno le partite. All’no degli stadi, i giudici si occuperanno di eventuali risse o altre violenze. Intorno agli impianti, invece, saranno create strutture per la tutela dei diritti dei consumatori. Nei tribunali saranno presenti anche preti e funzionari dei consolati dei Paesi partecipanti al Mondiale.
E’ la risposta del Governo ad un impazzito e sotto scacco dei manifestanti. “La campagna sistematica contro i Mondiali di calcio in è una campagna sistematica contro di noi”. La presidente brasiliana Dilma Rousseff, rifiuta le manifestazioni dei brasiliani pretando le contro la Coppa del mondo, che comincia giovedì prossimo a San Paolo, come attacco al governo a il PT Partito dei lavoratori candidato a rivincere le presidenziali.
Rousseff ha accusato la ‘disinformazione’ sui costi e le spese sostenute dal per l’organizzazione dei Mondiali. La presidentessa è in testa ai sondaggi per le elezioni presidenziali del prossimo ottobre, con 15 punti di vantaggio sul suo principale avversario.
La paura induce a chiedere la pace dopo il volta faccia alla Seleçao…. “Sono e mi sento brasiliano, questo non cambierà mai”. Il r dell’Atletico Madrid voluto da , spiega la scelta Spagna contro il ct brasiliano Luiz Felipe Scolari. “Non mi ha mai chiamato – spiega a GloboEe – L’unico allenatore con cui ho parlato è Del Bosque, che s’essò a me e mi fece sapere che teneva alla mia presenza. Sono nto perché mi ha accolto come un fratello”.