ULTIM'ORA

Napoli affare di famiglia: i DeLa si pagano 19 mln!

Famiglia-De-Laurentiis-300x195

di Paolo Paoletti - efinanza.it ha analizzato il o dell’ultima stagione del Napoli, svelando quanto incassa il Cda.

Negli 5 anni si è autopagato ben 18,7 milioni di euro, una media di circa 3,74 milioni l’anno. Un dividendo anche perché a far parte del Cda è mente la famiglia , recentemente con l’ingresso anche di Luigi, più Chiavelli, DG della Filmauro e uomo di fiducia del cinepresidente.

Fino al 2014 il Cda era formato da Edoardo (vicepresidente) e Valentina, da sua moglie Jacqueline (vicepresidente) e da Andrea Chiavelli, braccio destro e consigliere (Amministratore) delegato, ovvero chi firma. Nel 2015 è entrato nel ramo ivo anche il terzo figlio, Luigi, che finora si era occupato della FilmAuro.

Il Napoli è la società che paga più compensi al proprio Cda, toccando i 18,7 milioni dal 2010 ad oggi. Cifra diminuita nel 2015 dai 5,5 milioni del 2014 a 1,02 attuali solo perchè il o del ha chiuso con più di 13 milioni di rosso.
Un milione di euro è costo iperbolico per gli amministratori della serie A, ma è anche lo stipendio medio dei calciatori del Napoli, che i intascano, sottraendolo alla gestione tecnica!
Peraltro il disavanzo di o è stato coperto senza che mettesse mano al portafoglio, ma facendo fronte alle riserve.

Se si fa eccezione per l’investimento iniziale per l’acquisizione dal Tribunale del titolo ivo pagato con il prestito di 31 mln di Unicredit restituito in 5 anni, il Napoli si è sempre autofinanziato potendo ‘risorgere’ dal falento senza 1 euro di debito.

Questo ha permesso di chiudere in utile ben 8 esercizi consecutivi mettendo da parte profitti per circa 70 milioni. L’esercizio 2014/15, per la prima volta in rosso, ha detto addio alla gestione virtuosa, che ora dipende dai piazzamenti ivi che incassano i lauti diritti della , molto meno dall’.

Emerge il dato compensi versati al cda Napoli: un’affare di famiglia. Ognuno dei 5 membri del Cda si è portato a casa 3,74 milioni a testa dal 2010 ad oggi: un bel malloppo.

Chi ringrazia Cavani e Lavezzi?