ULTIM'ORA

Rosse in pole, il gran giorno è arrivato!

399ce57c0c0bdf805e2c02b99f1f770c

di Rosa Della Morte - Con il giro più veloce della della , Kimi Raikkonen si è preso la pole position a Monza, bruciando di 116 millesimi Sebastian Vettel e confermando a Lewis (+0.175, in seconda la con Valtteri Bottas) che le Ferrari hanno qualcosa in più. Per la gioia del popolo rosso (56mila in tribuna oggi), 18 anni dopo Schumacher-Barrichello, la scuderia di Maranello ha messo di nuovo due monoposto in prima la nel Gp d’, e la copertina è di Raikkonen che fra i due litiganti per il ha piazzato la zampata a 38 anni e 320 giorni, il più anziano in pole da Nigel Mansel (1994). LA

GRIGLIA. Col suo in bilico, il nlandese si è presentato a Monza sicuro di guidare “bene come 10 anni fa”. Sotto gli occhi del nuovo ad Ferrari Louis Camilleri, lo ha mostrato in un serrato Q3, senza pioggia, dipingendo a 263 km/h di media un ultimo giro perfetto, a differenza di Vettel. Il tedesco è arrivato sul traguardo 4 secondi dopo , convinto di aver conquistato la pole, ma subito dopo Raikkonen ha segnato il nuovo tempo migliore e alla signora Minttu è scappata una lacrima ai box per l’impresa del marito. Forse ha influito la scia, ma l’uscita dai box per le Ferrari in qualica avviene in ordine alternato ogni Gp. In gara, assicurano dalla scuderia di Maranello i due piloti sono liberi di correre nché sono matematicamente in corsa per il . A 8 Gp dal termine, Vettel ha 17 punti di ritardo da e Raikkonen 85 (nel Mondiale costruttori la è a +15). “Kimi è in pole, può vincere, ma anche io voglio farlo”, promette Vettel.

“La prima pole della stagione è speciale, ancor di più davanti ai nostri si, non potevo scegliere un posto migliore – ha commentato il nlandese, che nei box ha abbracciato la moglie e davanti alle telecamere ha esternato emozioni al minimo -. Solo metà del lav è fatta, speriamo che in gara vada bene alla stessa maniera”. Meno soddisfatto Vettel. “E’ un grande risultato per la squadra. Il mio ultimo giro non è stato perfetto e sono fortunato a essere secondo”, l’analisi del tedesco, che ha preferito non spiegare quel “Parliamo dopo”, rivolto ai tecnici nel team radio quando l’arrivo di Raikkonen gli ha ricacciato in gola l’esultanza. “Due Rosse in prima la vuol dire che la è veramente forte”, esulta il team principale Ferrari Maurizio Arrivabene, mentre si lecca le ferite senza perdere il sorriso. “Ci voleva qualcosa di speciale sul giro per riprenderli – il commento dell’inglese -. E’ bello che la battaglia sia così serrata, io sto spingendo al massimo”. Lo ha fatto anche Lance Stroll, 10mo, che ha portato per la prima volta in stagione la Williams al Q3. Parte in salita l’ultima Monza di Fernando Alonso (7ma la) e le qualiche hanno regalato solo amarezze all’altra scuderia di casa, l’Alfa Romeo Sauber, con Charles Leclerc e Marcus Ericsson fuori al Q1.