ULTIM'ORA

Romero, da Sabella a Rihanna: eroe di rigore, come Goyco nella storia.

void(0)-1

di Oscar Piovesan – Eroe con la Selección, cacciato dalla Sampdoria! Strano il destino di Romero, portiere para con Sabella, ma palla al piede nella Samp che lo avrebbe voluto scaricare alla . Al Monaco ha giocato quasi niente, Ranieri non lo ‘vedeva’. In Argentina il livello dei portieri non è all’altezza di attaccanti e difensori eppure Romero vive il suo momento di gloria anche se la Samp sta cercando Brkic o Frison. Mihajlovic non lo ha convocato per il ritiro Romero, Musta invece si. Domenica entrambi al Maracanà sotto gli occhi del Mondo si presentarenno anche a Ferrero.
Per Romero il vero problema è l’ingaggio: 3 milioni lordi sono troppi. Ma da campione del mondo cambierebbe tutto.

Sergio Romero è sulle prime pagine di giornali e nei titoli di tutti i tg: delle papere nessuno si ricorda, le sue parate contro Sneijder e Vlaar hanno fatto il giro del mondo. Nella partita dove non ha brillato, il portiere della Samp è in copertina, si puo?

‘El Chicquito’, faccia da eterno bambino, è in Europa dal 2007 e per 4 anni ha difeso l’AZ Alkmaar, anche con Van Gaal allenatore…
Poi la Sampdoria: in , l’anno successivo un rigore parato a Osvaldo e troppe papere.
Lo spogliatoio non lo ama, i meno, la sotto casa resta senza ruote.

Nell’estate 2013 la Samp lo manda in prestito al Monaco, dopo 3 gare Ranieri lo sbatte in panchina, gioca Subasic.
Sabella però lo preferisce a Orion del Boca Juniors e Andujar del Catania, e soprattutto a Willy Cavallero del Malaga ora al Manchester City…migliore tra i portieri argentini mai convocato.
Romero resiste e si prende una rivincita .

Rihanna lo cita in un suo tweet. “Se l’Argentina diventa campione del mondo, presto mio marito a Rihanna per una settimana”, risponde piccata Eliana Guercio, moglie del portiere.
Romero sogna la Coppa in nale contro la , non solo per Rihanna. Facendo meglio di un altro Sergio…Goycoechea che a 1990 emerse per i parati a Jugoslavia e ma perse il titolo sempre contro i tedeschi, con un rigore di Brehme.