ULTIM'ORA

Roma vergognosa: chi interviene?

dzeko.roma.seduto.protesta.2018.19.750x450

di Paolo Paoletti - E’ la che ha perso o la Spal che ha vinto?
Non è la stessa cosa e la verità sta nel mezzo: la ha giocato una gara indegna, i ferraresi si sono presentati all’Olimpico feroci, affamati, in palla. Ed hanno vinto, meritatamente e senza appelli: 2-0 ed è di nuovo giallorossa.

Di Francesco deve decidere: scegliere sempre chi cirre di più, farsi il funerale scegliendo fantasmi come Dzeko. Se però l’alternativa e Schik…

Pallotta venga, Minchi dica se resta o è già con la valigia in mano, chieda più spazio tecnico, i senatori come De e Kolarov – oggi assenti – dicano che spogliatoio serve per rimettere le cose a posto. Almeno decenti.

Beccarne 2 dalla Spal, in casa, con il pulico che schia sonoramente, è una vergogna per tutti. guriamoci a , dove saltano teste e panchine, come fosse nulla.
Chi dice a Dzeko che non può presentarsi in queste condizioni in campo?
Chi decide che la squadra va rifatta dalla difesa?
Chi mette i soldi per fare della una squadra che si rispetti?

L’arrivo degli Americani, aveva aperto il cuore. La chiusura del portafogli ha spento ogni sogno. L’addio di Francesco ha riportato i giallo alla normalità. Tutto brutto, anzi pessimo. Il italiano ha bisogno di una di alto livello. Chi può fare questa operazione?

Lascio al mio amico Enrico Maida, con il quale aiamo condiviso un sogno inteso quanto breve a Special, il compito di farci capire di più!

di Enrico Maida - La gloriosa Società Poliiva Ars et Labor mi porta indietro in un nostalgico viaggio nel tempo. Quando giocavamo con le gurine Panini e nella squadra di Ferrara spopolava un’aletta dal cognome bizzarro, Dell’Omodarme, quotatissimo tra i collezionisti.

Il ‘deus ex machina’ della società era un vecchio libustiere, il commendator Mazza, che avree fatto il colpo cedendo Capello alla , incassando quella che oggi si chiameree plusnza la cifra record di 200 milioni di vecchie lire.

Avevo appena sofato sui miei ricordi quando il vivacissimo Lazzari, che penso possa seriamente essare Mancini, ha puntato lo spazio che gli si offriva mettendo in affanno il giovane Luca che si era dimenticato di presidiare la fascia di competenza. Per rimediare alla gaffe, l’esterno sinistro lanciato nella mischia al posto di Kolarov ricorreva alle maniere brusche, troppo brusche per il glio d’arte Pairetto che, guarda caso, era stato oggetto di critiche preventive da parte di Semplici. Rigore comunque ineccepibile che Petagna realizzava con freddezza spiazzando Olsen.

Era il minuto 37, la Spal non si era praticamente mai vista no a quel momento e il commendator Mazza da qualche nuvola lassù si sarà divertito quale vecchio amante del catenaccio. La , che aveva lasciato a riposo anche De e Manolas puntando su Cristante e Marcano, accusava vistosamente il colpo ma al ritorno in campo dopo l’vallo avree potuto dare una svolta alla giornata se Dzeko, in versione bradipo, non avesse dilapidato un’occasione principesca propiziata in segno di pace ritrovata da El Shaarawy. Ma il meglio per la buonanima del commendatore doveva ancora venire.

Ironia della sorte, a impappinarsi erano i due reclamizzatissimi che provocavano un d’angolo risultato poi fatale. Gol di testa, il primo in serie A, per l’incredulo Bonifazi. La Spal, detto per inciso era reduce da quattro scontte consecutive.
A questo punto entrava in scena un personaggio inatteso, anche se perfettamente compatibile con la trama nzesca della giornata. Milinkovic-Savic, che non è solo il fratello povero del centrocampista della Lazio, prima realizzava una paratona su Lorenzo , con il provvidenziale aiuto della traversa, poi riusciva nella non facile impresa di farsi cacciare per una di quelle manfrine perditempo che di solito non provocano conseguenze. Il guardalinee costringeva praticamente Pairetto a cacciarlo per restituire a Gomis la porta di competenza.

Il povero Di Francesco, non sapendo più che pesci pigliare, gettava nella mischia Coric, l’ennesimo presunto enfant prodige. Entravano anche Pastore e Kluivert, ma nulla avree ormai potuto rovinare la festa ferrarese della vecchia Poliiva. Ars et labor da una parte, una squadra di dall’altra.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply