ULTIM'ORA

Roma Real, segna Totti: Garcia lancia lo scudetto!

International Champions Cup

di Italo Lamela – Totti! E la batte 1-0 il Real Madrid alla Guinness Cup. Nel primo tempo spagnoli pericolosi con Ramos, Isco e Bale… Skorupski salva su Lucas al 43′. Nella ripresa arriva il del capitano: al 13′ la sfonda a destra, cross basso di Flo per Totti che a centro area insacca di . Giallorossi vicini al raddoppio con Ljajic, Keita e Sanabria. Totti ha regalato la maglia ad Ancelotti e più convinzione a

“Contro il Real Madrid mi è piaciuto il carattere della squadra”. Rudi è molto soddisfatto dell’atteggiamento della sua contro il Real. “Mi è piaciuta la capacità dei ragazzi di saper soffrire nel primo tempo per avere poi la ricompensa nella ripresa”. Ma questa dove può arrivare? “Quest’anno in Champions se superiamo il girone sarà una bella cosa. L’ho detto e lo ripeto per noi la priorità sarà il campionato”.

L’amichevole di lusso col Real è stata l’occasione per di mettere minuti nelle gambe in molti titolari della : “Abbiamo previsto di allungare i tempi di gioco. Solo per Miralem era previsto di uscire all’vallo e fare un’ora massimo perché è solo la seconda partita per lui ed infatti hanno giocato tutta la partita lo hanno fato bene sul piano sico”.

Prima del match si è reso protagonista di un lungo colloquio con Ancelotti: “Adesso posso parlare con Carlo in no. Lui non è solo un grande allenatore ma è anche una persona per bene, mi piace il suo modo di allenare. Abbiamo parlato anche di questo, che si sente che la sua squadra lo segue, l’ho visto tutta la stagione scorsa e per me è una qualità preziosa per un allenatore”. C’è stato anche un accenno di rissa tra Keita e Pepe per vecchie ruggini mai sopite: “Posso solo dire che quello che ha fatto Pepe non è l’atteggiamento di un campione”.

Sugli obiettivi: “Vogliamo nire il più in alto possibile in campionato e sappiamo che avremo tante difcoltà a farlo perché ci sono molte squadre importanti e il fatto di essere l’outsider in campionato vuol dire che c’è almeno una favorita. Io voglio nire in alto e sopratutto raggiungere la qualicazione in Champions”. Il tecnico francese si sofferma poi sul neo-acquisto Iturbe, apparso in crescita: “Si è impegnato molto questa sera, c’è molto lavoro da fare sia perché è giovane sia perché deve inserirsi nella squadra. E’ solo per questo che dobbiamo lasciare a Manuel il tempo necessario per trovare la sua espressione migliore”. E sabato in Guinness Cup ci sarà il no con l’: “Quella contro i nerazzurri sarà più una gara di che una di Champions come potevano essere quelle con Manchester e Real Madrid”.